Eventi

Rocket Unisex

Riapre il club più indie-cool di Milano con due serate di alchimie rock-elettriche

Sotto l'ombrellone non potevate far a meno di sentirvi al caldo come stretti fra le mura del Rocket? Ecco allora che il club di tendenza fra i più cool di Milano, riapre le porte per nuove feste!

UNISEX - Si inizia martedì 11 settembre con The Death Disco Trafic Light Dating. Ingresso gratuito per tutti per una notte, dalle 22.00 alle 3.00, di indie con Dj Natasha Slater, Starcrazy e Leandro. Ritorna anche il mercoledì del Rocket, il 12 settembre, in collaborazione con Hollywood, con un nuovo nome, Unisex. Stessa voglia di divertirsi e ballare con i ritmi electrotrashpop di Fist & Aristopunk a.k.a. Romy&Michelle e con l'elettronica di Alex Ormas. Per quest'anno Unisex ha scelto di collaborare, in esclusiva italiana, con BuggedOut!, per una serie di eventi mensili che incendieranno i mercoledì milanesi. Chi non conosce BuggedOut! non conosce una parte della storia del clubbing Made in UK. In 14 anni ospiti come Daft Punk, Miss Kittin, Tiga, Vitalic, Green Velvet, Laurent Garnier hanno animato gli eventi BUGGEDOut! nei club alternativi in Europa (The End/Londra, The Loft/Barcelona). Non solo party, ma anche le compiliation, come la nuova BuggedOut! Classics che contiene singolidi Daft Punk, Chemical Brothers, Klaxons.

DIGITALISM - Special guest dell'opening party Unisex saranno Digitalism, ovvero Jens "Jence" Moelle e Ismail "Isi" Tuefekci. Due tedeschi malati dello studio di registrazione, con la voglia di pogare ma anche di fare alchimie elettroniche. Il 2005 vede pubblicato il loro primo singolo, Idealistic, finisce nelle mani dei dj che contano (Soulwax, Tiga, Westbam, Kid Alex) e che solleticano le orecchie di Gildas Loaec, il boss della Kitsuné e della label dei Daft Punk. Segue Zdarlight, che li scaraventa nel novero delle band tra rock ed electro, tra pogo e dancefloor. E si accendono per loro le luci dei festival che contano e le attenzioni delle band che vogliono i remix migliori: Daft Punk con Technologic, Tom Vek e Nothing But The Green Lights, Munk con Disco Clown.I Digitalism continuano a far ballare, acidi in quattro quarti, electropunk d'avanguardia, fino a quando dopo un altro singolo co me Jupiter Room escono definitivamente allo scoperto con il loro primo album Idealism, pompato dal singolo Pogo che infiamma i dancefloor alternativi più ambiti. Ed è solo l'inizio di Unisex...

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI