Eventi

Qui, la cantina è aperta... sempre

A Monticelli Brusati, in Franciacorta, alla scoperta della tenuta La Montina

Lo dichiara un recente sondaggio lanciato dal Vinitaly e dal sito www.winenews.it: è la Franciacorta la meta preferita dagli enoappassionati di bollicine, seguita dalle zone di Conegliano-Valdobbiadene, del Trentino e dell'Astigiano. I motivi? Tanti: la bellezza del paesaggio naturale, le attrattive culturali e gastronomiche, il fascino delle cantine storiche, il senso di relax e la qualità dell'ospitalità. Del resto, la cortesia verso i turisti è importante, e la Strada del Vino Franciacorta lo sa bene, al punto da aver indetto un progetto a cui hanno partecipato realtà vitivinicole, alberghi, ristoranti e agriturismo, finalizzato a indagare il livello di accoglienza del territorio. Ottimi i risultati, e a La Montina è andato il premio per la categoria aziende.

PREGIATI PERLAGE - Lei non parteciperà a Cantine Aperte il prossimo 25 maggio. Perché La Montina è già aperta tutto l'anno, visitabile su prenotazione. Insomma, la classe non è acqua. E qui è indubbiamente vino, che nasce e si affina in una struttura interamente ricavata sotto la collina, per garantire una minore escursione termica. Prima però l'uva cresce nei 62 ettari di vigneto, viene raccolta manualmente e pressata con il torchio verticale marmonier, rarissimo in Italia, che assicura una spremitura soffice. Poi è questione di cura nella lavorazione, di saggezza e di pazienza. È così da quando la famiglia Bozza ha acquistato la tenuta nei primi anni Ottanta. E così sarà sempre. Basta sorseggiare per capire l'eleganza di questi nettari docg: Franciacorta extra brut e Franciacorta brut (stesso uvaggio, chardonnay e pinot bianco, ma diverso residuo zuccherino); Franciacorta Rosé Demi Sec (pinot nero al 60% e chardonnay al 40%); Franciacorta Satèn Brut (chardonnay in purezza); Franciacorta Millesimato Brut (chardonnay e pinot nero, a riposo sui lieviti per almeno 36 mesi); e Franciacorta Montecolo Magnum Riserva Brut, di cui si producono solo mille bottiglie all'anno.

NON SOLO BOLLICINE - Ma i frizzanti figli di Bacco hanno anche fratelli più calmi. Come il Curtefranca doc Bianco, delicato e floreale; il Curtefranca doc Rosso, rubino e fruttato; il Curtefranca Rosso dei Dossi (cabernet, merlot, barbera e nebbiolo), affinato in botti di rovere e barrique; il Rubinia, chardonnay in purezza con passaggio in barrique; e Barbur, taglio bordolese di cabernet e merlot con riposo per due anni in legno e circa un anno in bottiglia. Etichette capaci di coprire un intero pasto (come anche il Franciacorta), da acquistare presso il Wine Shop della maison, insieme all'olio extravergine e alle grappe prodotte dall'azienda, nonché prodotti tipici dell'agro bresciano e oggettistica legata al mondo del vino. Tanto, la bottega rimane aperta tutti i giorni. Anche la domenica.

EVENTI IN VILLA - Belli i seicenteschi saloni di Villa Baiana, antica residenza che sorge proprio accanto alla cantina. Perfetta come location per un evento, un meeting o un'occasione particolare, impreziosita dai manicaretti preparati da chef e pasticceri interni. Qualche specialità? Carpaccio di manzo marinato con vinaigrette al grana e senape; risotto alle piccole verdure su vellutata di piselli; stracotto di manzo al Barbur e bavarese al Rosé con cuore di frutti di bosco (tel. 030 6854085). Da assaporare fra atmosfere dal tocco artistico, visto che appese alle pareti vi sono le opere di Remo Bianco, importante precursore del Noveau Realisme. Capolavori in esposizione permanente sia in villa che nei locali de La Montina e che vanno a formare il Museo d'Arte Contemporanea Remo Bianco in Franciacorta.

TI SCATTERÒ UNA FOTO - Estremamente attenta alla correlazione fra vino e cultura, l'azienda promuove anche il Primo Concorso Internazionale di Fotografia Amatoriale La Montina Franciacorta. Per partecipare è sufficiente scattare una foto (naturale o rielaborata tramite Photoshop) in cui appaia almeno un Franciacorta della cantina, contestualizzato in una situazione insolita o d'effetto. Poi, l'immagine va spedita (su cd, in formato digitale e in alta risoluzione)a: La Montina srl, via Baiana 17, 25040 Monticelli Brusati (Brescia), allegando il titolo dell'opera, un piccolo commento e i dati personali. Tre i vincitori, più due menzioni speciali. I primi tre classificati saranno ospiti della cantina per la tradizionale cena di chiusura del Vinitaly 2009 e riceveranno rispettivamente 500 euro più un Jeroboam (3 litri) a tiratura limitata; 300 euro più sei bottiglie di Millesimato; e 200 euro più una confezione di sei bottiglie di Satèn. Vale la pena di provare!

COME ARRIVARE - L'azienda si trova non lontano al Lago d'Iseo, nell'estremo lembo orientale della Franciacorta. Per arrivare? Autostrada A4, uscita Ospitaletto; strada provinciale 19 Ospitaletto-Concesio, uscita Rodengo Saiano e seguire le indicazioni per Ome. Comunque, lo staff è a disposizione per organizzare tutto al meglio; dal transfert al pranzo o alla cena (minimo per 15-20 persone) alla visita guidata.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI