London Loves

La cultura della trasgressione va in scena il venerdì al Plastic

La London Loves è una delle serate più trasgressive di Milano, il club si chiama Killer Plastic, centro nevralgico della cultura notturna meneghina. Strutturata attorno all’'idea dei ritrovi londinesi, la L.L. fa eco anglossassone tra indie ed elettronica ricercata.

UNA SELEZIONE SENZA SELEZIONE - Aperto dal 1980, quando i frequentatori erano i dark e i punk, un pubblico diverso, più trasgressivo, ragazzi che potevano vestirsi come volevano, una selezione senza selezione è la caratteristica principale del Killer Plastic, la sua forza. Non tutti possono oltrepassare le transenne di Viale Umbria 120, questo è vero, ma la selezione è rispettosa, segue canoni intelligenti, che non guardano gli abiti ma l'individuo. Questo fa arrabbiare qualcuno, ma è normale, non sarebbe il locale più frequentato di Milano se non ci fosse da rischiare.

GENTE DA NEW WAVE - La London Loves riscopre l'Inghilterra, mentre l'Italia riscopre il Rock'n'Roll, il dark, la new wave. La Dark Room ospita Dj Set indies, un popolo stravagante di ragazzi dai venti ai trent'anni che si muovono sulle note dei vecchi The Cure, Joy Division, Bahuaus e sulle note dei nuovi Interpol, The Kills, White Stripes. La sala Bordello e il Privè propongono elettronica ricercata, da clubbing, che bacia Electro Funk e Electrohouse. La trasgressione è al centro del venerdì London Loves, non a caso volti come quello di Madonna, di Skin e dello star system underground italiano non sono nuovi nel club. La stessa Madonna, durante un'intervista, ha dichiarato che non c'è un suo concerto a Milano che non venga preceduto da una London Loves in Viale Umbria.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati