Eventi

LED 2010: una riflessione urbana

Presentata la nuova edizione del Festival della Luce. Tra big del design come Ross Lovegrove e giovani emergenti

Era il 2009: per la prima volta, in occasione delle festività natalizie, il - progetto LED - Festival Internazionale della Luce aveva illuminato Milano con una serie di installazioni luminose firmate da designer e studenti. L'esperimento andò bene tanto da essere riproposto nel 2010. A Palazzo Marino è stata annuciata l'edizione numero due di LED, che porta 15 progetti di altrettanti big del design internazionale in alcuni luoghi simbolo di Milano. Qualche nome? Ross Lovegrove, Karim Rashid, Piero Castiglioni, Fabio Novembre o Matteo Thun. 

LARGO AI GIOVANI (?) - Ad affiancare le opere dei "maestri", una selezione dei lavori vincitori del concorso LED Award, a cui hanno partecipato studenti o giovani emergenti, con il sostegno di scuole e aziende del settore. "Uno degli obiettivi della manifestazione è incentivare le sinergie tra questi attori" -  sostiene l'Assessore all'Arredo Urbano Maurizio Cadeo - "Vorrei poter dire che ciascuno dei trenta progetti vincitori del concorso sarà installato in città, purtroppo questo dipende dai fondi che arriveranno dagli sponsor". Dovremo attendere dicembre per vedere quali delle opere luminose "sigillate" con il LED Award (consegnato dalla madrina della manifestazione, Simona Ventura) si guadagneranno uno spazio, una piazza, una via di Milano. 

PAROLA DI MAESTRO - Sicuro invece l'intervento dell'inglese Ross Lovegrove, che ci spiega: "LED è un'occasione importante per far crescere questa città. A differenza di Londra, dove arte, architettura e design si influenzano tra loro, in progetti come questo l'architettura sembra avere un ruolo inesistente". E continua: "Il mio progetto per LED è stato pensato per essere permanente: può costare anche 300mila Euro ma la durata nel tempo fa la differenza. Non tutti i progetti presentati oggi rispettano questo parametro: molti lavori non esprimono il loro potenziale di giorno, con la luce del sole. Alcuni possono essere installati e poi tolti senza lasciare nulla dietro di sé".

QUESTO È IL DILEMMA - Il Festival della Luce apre una riflessione sui temi del design urbano e dei servizi, studi e applicazioni che contribuiscono a dare una forma alle città. Considerando le risorse economiche a disposizione delle Amministrazioni e gli spunti di Lovegrove, resta un dilemma. Meglio investire grandi somme di denaro in nomi di sicuro richiamo oppure dare fiducia a giovani designer, rischiando di più ma risparmiando migliaia di Euro?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati