Le Grand Fooding Milano

Eventi

Chef, drink & dance

Le Grand Fooding torna a Milano. Dal 20 al 22 ottobre

La ricetta è succulenta. E miscela una dozzina di grandi chef, cocktail à gogo e dj set. Il tutto servito in un clima informale da festa popolare. È Le Grand Fooding Milano 2011, che torna, dopo il successo della scorsa edizione, all'Opificio 31 di Tortona Locations, dal 20 al 22 ottobre. Per regalare tre appuntamenti capaci di shakerare i sensi. E Milanodabere.it mette in palio alcuni biglietti omaggio per il grande party del dopocena.

LE GRAND PRELUDIO - Anticonvenzionale, l'aperitivo rompe gli stereotipi e propone champagne Mumm Cuvée Privilège e pizza pazza, realizzata dai pizzaioli Charlie Hallowell di Oakland e Jon Pollard di Londra. Intanto, le girl di Arabeschi di Latte intrecciano alchemici analcolici a base di Chinò e di Sanbittèr, catapultando gli ospiti sulle scene dei vecchi film "Spaghetti Western" di Sergio Leone. Why? Perché il tema dell'edizione 2011 ruota intorno al filo gastrologico de "Il trionfo dello spaghetto gigante", eleggendo la tradizione tricolore quale protagonista. E lanciando una velata provocazione: si mangia meglio italiano in Italia o all'estero? Al banchetto il verdetto.

LE GRAND BANCHETTO - Lunghe tavolate, imbandite dalla designer Paola Navone; capienti vassoi posti al centro del desco; e posate bianche, rosse e verdi firmate Pandora. La cena si preannuncia gioviale e conviviale, orchestrata, in ogni serata, da quattro cuochi: due italiani e due stranieri (ma di origini italiane o filoitaliani). Pronti a rivisitare le tipicità del Bel Paese. Ecco allora che lo Stivale manda in campo Andrea Berton del milanese Trussardi alla Scala; Davide Oldani del D'O di Cornaredo; Massimo Bottura dell'Osteria Francescana di Modena; Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore di Senigallia; Cristiano Tomei de L'Imbuto di Viareggio; e Pino Cuttaia de La Madia di Licata. Dalla Costa Azzurra arriva invece Mauro Colagreco del Mirazur di Mentone; da Parigi decollano Federica e Fabrizio Mancioppi del Caffè dei Cioppi e Giovanni Passerini del bistrot Rino; da Copenhagen giunge Christian Puglisi del Relae; e dalle Americhe approdano Mario Carbone del Torrisi Italian Specialties di New York e Pier Paolo Picchi del Picchi di São Paulo. A completare il quadro? Vini Antinori, pregiato rum Havana Club Selección de Maestros e caffè Nespresso. E non c'è nemmeno pericolo di sporcarsi. I maxi bavaglioli da legare al collo sanno ben parare il piatto "schizzato", preparato ogni volta da uno chef.

LE GRAND PARTY - E dopocena? Scoppia la bomba di gelato Häagen-Dazs, firmata dal pasticcere "pasticcione" Franco Aliberti, del ristorante Vite di San Patrignano; e si fa festa, con tuffo fra le atmosfere proibizioniste degli anni Venti statunistensi. Tant'è che il mixologist Rich Boccato (dal Dutch Kills di New York) shakera rum Havana Club, dando vita a stravaganti mix, vivacizzati dal sound del parigino dj Rémy Kolpa Kopoul. E per il languorino de la noche? Carne cruda dispensata dalla macelleria Cazzamali.

PER PARTECIPARE - L'ingresso alla gourmand soirée (aperitivo alle 19, cena alle 20.30 e party dalle 23) è di 50 Euro. In alternativa, è possibile entrare per la festa finale (posti ancora disponibili, in vendita online a 17 Euro). Parte del ricavato viene devoluto in beneficenza a Caf Onlus - Centro di Aiuto al Bambino maltrattato e alla Famiglia in crisi.

  • PROGRAMMA

  • TUTTE LE SERE PER APERITIVO
  • Charlie Hallowell - Jed Cote: pizza con calamari, aiolì e pomodorini
  • Jon Pollard: pizza con polpette di vitello, prosciutto, panna e salvia
  • Arabeschi di Latte: analcolici Pasta bullets, Sanbittèr acqua di fuoco, Chinò sugar colt

  • CENA - GIOVEDÌ 20 OTTOBRE
  • Moreno Cedroni: hot dog di seppia con salsa di senape, lamponi e zenzero
  • Davide Oldani: spaghetti tiepidi "whoosh"
  • Mario Carbone: polenta di mais fresco con gamberi di scoglio e Old Bay
  • Federica e Fabrizio Mancioppi: risotto Acquerello, andouille affumicata, porcini, sedano e limone

  • CENA - VENERDÌ 21 OTTOBRE
  • Mauro Colagreco: crudo di pesce
  • Massimo Bottura: Milano da bere... O da mangiare
  • Pino Cuttaia: baccalà all'affumicatura di pigna, patata schiacciata e condimento alla pizzaiola
  • Pier Paolo Picchi: tagliolini di popunha al pesto di rucola e seppioline

  • CENA - SABATO 22 OTTOBRE
  • Cristiano Tomei: fish burger
  • Giovanni Passerini: tartare di manzo con rafano, rape e carusoli
  • Andrea Berton: pane, olio e acciughe
  • Christian Puglisi: cuore di vitello, topinambur e salsa al pepe nero

  • TUTTE LE SERE AL PARTY
  • Richard Boccato: cocktail Don Havanito (Havana Club 7 años, orzata, limone fresco e pepe di cayenna)
  • Davide Trovato e Gianmario Barlocco dello Straf di Milano: cocktail Havan Ice Club (Havana Club 3 años, liquori di litchi, arancia e mango, succo di cranberry)
  • Franco Cazzamali: il grembiule sanguinario
  • Franco Aliberti: la bomba di gelato Häagen-Dazs
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati