Filodrammatici, in scena al Teatro Oscar

Ecco la stagione della nuova sede di via Lattanzio che si unisce allo Spazio MIL

Parte la trentanovenisima stagione del Teatro Filodrammatici al Teatro Oscar ed è il frutto di una passione che spinge il gruppo di Emilio Russo a continuare su una strada, lunga appunto 39 anni ininterrotti, di rapporto schietto e durevole con la città di Milano. 

SU! - È il titolo che Tieffe Teatro ha voluto dare alla stagione, per confermare che la loro è una scelta voluta nonostante le difficoltà e le riduzioni ministeriali del 23% allo spettacolo dal vivo. Il Teatro Oscar (con un cartellone appena partito e spettacoli fino al 7 giugno 2009) è sì una location con tante carenze, con una piccola sala e con un piccolo palcoscenico, ma facendo di necessità virtù, il gruppo vi ha saputo realizzare spettacoli importanti e ben contestualizzati, che anzi dall'accoglienza intima e poco dispersiva acquistano in forza comunicativa.

LA PARTENZA DEDICATA A UN MAESTRO
- Si apre con un'opera inedita del maestro Ingmar Bergman: tratta dal testo I tre diari, la piece mette in scena un Bergman intimo e umanamente dipinto anche nelle sue debolezze, andando oltre lo stereotipo del grande regista e uomo d'arte, attraverso il tema della morte, pure caro e variamente affrontato nelle sue stesse opere teatrali e cinematografiche (una su tutte Il settimo sigillo). In scena Gian Carlo Dettori e Franca Nuti (di recente insignita del Premio per Migliore attrice Ibseniana d'Italia), fino al 9 novembre.

IL CARTELLONE - Si prosegue con 5 in condotta, dei Virtuosi di San Martino, dall'11 al 23 novembre; dal 27 novembre al 14 dicembre è la volta di Giulio Casale in Formidamili quegli anni, spettacolo canzone sul '68; il Diario di Eva con Lucia Poli va in scena dal 29 gennaio all'8 febbraio; dal 12 al 22 febbraio Matematica con delitto di Raccardo Mini. Dal 6 al 15 marzo, con parole e suoni di Pier Paolo Pasolini, vedremo Maddalena Crippa in Canto Popolare, per proseguire con Per Amleto dal 19 al 22 dello stesso mese. La Signorina Giulia sarà sulle scene dal 24 marzo al 5 aprile e si continua con Andrea Brambilla (Zuzzurro) in Tutti i santi giorni dal 16 aprile al 3 maggio. La stagione si chiude con una produzione Tieffe, Il Fabbricone, dal 12 maggio al 7 giugno.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati