Maison Dubosk

Una designer un giorno litigò con il mouse. Il risultato? T-Shirt dalle grafiche uniche

News - Design

Come può un pc cambiarti la vita? Un giorno qualcosa non funziona, allora lo molli sulla scrivania. Prendi in mano l'inchiostro e disegni a mano libera. È quello che più o meno è successo a Stefania Loschi, graphic designer. Alla base delle sue creazioni sotto il nome Maison Dubosk c'è proprio un litigio: "un giorno non riuscendo a disegnare esattamente le forme che avevo in mente decisi di spegnere il mac. Nel giro di qualche giorno mi ritorvai con lo studio pieno di tele dipinte con l'inchiostro. Dai quadri realizzati ho creato una linea di t-shirt per me ed alcuni amici, e ora lo faccio per lavoro".

Lo stile di Dubosk è semplice e lineare, sia nei tratti che nei colori. Il nome prende spunto da Jules Dubosq che nel 1870 inventò il primo colorimetro, infatti su ogni capo della collezione c'è una speciale etichetta che specifica la concentrazione di CMYK (ciano, magenta, giallo e nero) usati durante la stampa. La prima collezione del brand si chiama Women and Animals, i soggetti sono quattro: una donna dai capelli arrabbiati, e tre animali che corrispondo a tre proptotipi di uomo.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati