Curiosità

Kinder-Traum Seminar

Fino al 23 gennaio al Teatro Crt

Al Crt è stata rappresentata la prima dello spettacolo Kinder-Traum Seminar.
Non è stato uno spettacolo di facile lettura. Il nome non era semplice da ricordare;
non era neanche molto comprensivo il testo teatrale.
Il tema è quello dell’Olocausto che tanto ha segnato la storia dell’umanità.

Senza dubbio, uno spettacolo che viene caratterizzato da svariati contrasti.
Anomalo era il contrasto fra la parlata napoletana che assurgeva alla lingua dei morti, e le aspre cadenze tedesche (un po’ troppe per chi non conosce la lingua) che esprimono gli ordini inflessibili dei regolamenti che guidano le stragi. Ma oltre ad esso, incombe un altro contrasto ancor più lancinante: quello tra il candore infantile, richiamato dalle note di "Stille Nacht" e la memoria dello spietato bagno di sangue.

Il lavoro del regista Enzo Moscato si potrebbe definire come una sorta di concerto nel quale brani letterari, frammenti poetici, cronache dei lager si intrecciano con spezzoni musicali e con i movimenti degli attori che mimano il passo dell'oca. Risultano quasi impazziti dietro una rete metallica che delimita lo spazio della scena. Dai toni scuri è la scenografia con al centro un busto di donna i cui seni sono rappresentati da candele, le poche luci che si notano prima che lo spettacolo abbia inizio.

Si tratta di uno spettacolo di parola, recitata, detta, cantata, spesso incomprensibile che sembra andare oltre il suo stesso significato, assumendo profonde dimensioni della propria coscienza storica.

di Roberta Ruggiero

Teatro Crt

Orario
Feriali Ore 20.45
Festivi Ore 16.00
Chiuso lunedì

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI