Juan De Juan

Impalpabile eleganza di un bailaor

Bailaores così se ne vedono pochi qui in Italia e grazie all'Etnival, al Castello Sforzesco fino al 12 giugno, Juan De Juan è giunto fino a noi.

Bello nella sua danza, nel vigore dei suoi ventisei anni.
Un'eleganza quasi impalpabile, che fa apparire il flamenco alla portata di tutti.
Ti sembra di saperlo ballare anche solo guardando Juan.
Un sorriso che ammalia, un corpo in movimento che ti rapisce e ti fa protendere verso la forza di questa danza.

Un gesto basta per capire che Juan de Juan, pupillo di Antonio Canales, il flamenco l'ha bevuto fin da piccolo, nel biberon...
Uno zapateado che respira un'incredibile leggerezza, dai ritmi più frenetici, a quelli più profondi e incisivi.

Juan tormenta la sua espressione, strappando mille applausi per "Bohemio", concerto flamenco, curato dal chitarrista Livo Gianola, uno dei migliori maestri in Italia.

di Melissa Mattiussi
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati