Il make up si fa arte

All'Accademia Professionale di Trucco Artistico si studia il maquillage, fra segreti, tendenze e tocchi creativi

Non è un mistero che la magia di uno spettacolo passi anche per il trucco, sia questo delicato e naturale o un coinvolgente effetto speciale. Per chi sogna di scoprire i segreti dell'arte del make up usando i corpi come un pittore le tele, l'Accademia Professionale di Trucco Artistico propone un'offerta formativa mirata all'inserimento lavorativo nel mondo del cinema, del teatro e dello spettacolo. L'Accademia nasce da un'idea di Gabriella De Michele, responsabile dell'Ufficio Formazione della Società Umanitaria (attuale sede della scuola) e di Samantha Peluso, professionista nell'arte del trucco e trainer di Kryolan, azienda del settore che fornisce il materiale didattico alla scuola.

LA SCUOLA - L'offerta formativa si articola in sei moduli, pensati sia per chi si avvicina all'attività, sia per chi è alla ricerca di un corso di specializzazione. Come spiega Gabriella De Michele "Si parte dal Trucco Beauty, quindi si prosegue con materie come gli elementi di dermatologia e l'importanza della luce. Si lavora poi sugli effetti teatrali e sul body e face painting." Il percorso formativo completo (il costo è di 6000 Euro) permette il conseguimento, previo sostenimento di un esame, del titolo di Truccatore Artistico, rilasciato dalla Regione Lombardia e riconosciuto in tutta l'Unione Europea; a chi frequenta un numero inferiore di corsi (quello più economico costa 670 Euro) viene comunque rilasciato l'attestato di frequenza da Kryolan Berlino. I corsi hanno la durata dai 5 ai 14 giorni, si articolano in lezioni da sei ore al giorno per due giorni a settimana e sono pensati per una classe che va da un minimo di quattro fino a venti persone.

I NUOVI TRUCCHI - Samantha Peluso è molto attenta alle innovazioni nel suo ambito. "Una delle maggiori novità nel make up è il trucco aerografico. La classica spugnetta, oltre a essere poco igienica, assorbe gran parte del prodotto che si vuole applicare e non permette una stesura perfetta. Un'altra novità interessante è il fondotinta HD, ovvero ad alta definizione: è a base siliconica e assicura un'ottima resistenza." Parlando di trucco e di tendenze primaverili: "Torna la donna con le curve, quella vera, dopo un lungo periodo nel quale è prevalso un ideale femminile androgino. È il momento dei colori, quindi ben vengano i rossetti dalle tinte accese come l'arancio e l'eyeliner marcato."
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati