Food Design Story Box

10 prodotti per una valigia che racconta i miti dell'industria alimentare selezionati da ADI Delegazione Food Design

Industria alimentare. Accostamento che, forse, fa storcere il naso. Ma è inevitabile riconoscerne le numerose innovazioni: la conservazione del prodotto nel tempo, la porzionabilità fino all'ergonomia. È così che via via si è sviluppato il concetto di "food design" fino alla costituzione, nel novembre del 2006, di ADI Delegazione Food Design coordinata da Paolo Barichella direttore creativo e fondatore di Food Design Studio.

LA TOP TEN – Quanti sono i prodotti che ormai identifichiamo con il nome del loro marchio? Chiamereste mai Nutella, crema alla nocciola? E il Nescafè, cafè solubile? Bene sia l'una, nata nel 1964, sia l'altro, classe 1938, sono due dei dieci componenti della Food Design Story Box. Fra dolce e salato, ecco gli spaghetti n.5 (1824), il chewing gum (1848), il dado Liebig (1862), gli inscatolati Champbell's (1869), la carne Simmenthal (1881), il cioccolato Toblerone (1908), le patatine Pringles (1967), fino al più "giovane" cioccolattino Pocket Coffe (1968).

UN'INSOLITA DEGUSTAZIONE – In collaborazione con RistorArte e Visconti, Food Design Studio ha allestito in occasione del Fuori Salone 2007 un'intessante micro mostra, ma cosa ancor più particolare, una singolarissima degustazione. I prodotti sono stati analizzati da Visconti Banqueting in base al concept che li ha generati, quali conservabilità, funzionalità, immagine, creatività e poi destrutturati e coposti. Di ogni componete della Food Design Story Box, chewing gum a parte, sono stati studiati i singoli ingredienti e questi ultimi "reinterpretati" per creare nuovi stuzzicanti appetizer. Fra i salati, le crocchette realizzate con una farina di Pringles in crosta di spaghetti, i paccari farciti con una mousse di pomodori Campbell's o i bocconcini di carne Simmenthal con spolverata di Nescafè. Quanto al dolce, il cornetto di cialda con mousse alla Nutella o la fonduta di Toblerone bianco e nero con caramello.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati

Correlati:

www.ristorarte.net
www.fooddesign.it