Monopoly al contrario

Ecco l'Anty-Monopoly: chi scioglie i monopoli vince

Selegiochi distribuisce il classico game, ma con le regole ribaltate

Milioni di ragazzini in tutto il mondo hanno sognato ricchezza e possedimenti milionari muovendo le pedine del Monopoly, acquistando hotel, case, lotti di terreno e aguzzando ingegno e fiuto economico. Gli anni passano, la crisi esplode, si supera, forse, ed ecco che si affaccia sul mercato l'Anti-Monopoly, distribuito da Selegiochi a 29 Euro. Il game si riallaccia alla visione proposta nel 1973 dal porfessore di Economia Ralph Anspach, che lo mise in commercio, non senza successo immediato e non senza ritorsioni. Iniziò infatti un contenzioso durato decenni che lo portò a dover ritirare dal mercato il suo gioco, fino a poco tempo fa.

Il game è tornato in commercio prima in lingua inglese e ora anche in italiano, con un buon successo. "I giocatori sono sempre dai 4 ai 6 - racconta il titolare di Giochi dei Grandi - "e si gareggia come monopolista, secondo le vecchie regole, o come concorrenzialista, ovvero anti-monopolista: nel concreto, anche senza possedere l'intera propietà di un lotto, si potranno acquistare casette e hotel, con tutta una serie di regole aggiuntive che riequilibrano le parti contrapposte. E, quindi, partendo da una situazione di monoplio, che si dovrà sciogliere, si arriverà a una situazione di libero mercato." Una vera visione etico-imprenditoriale, insomma.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati