Drexler Jorge

L'artista uruguaiano si esibisce dal vivo e ci regala le atmosfere dell'America Latina

E’ stato davvero un avvenimento gradito il concerto di Drexler Jorge alla Salumeria della Musica. Il suo penultimo album "Sea" ha ricevuto la nomina per i Latin Grammy Awards e gli MTV Latin Awards.

Classe 1964, Jorge è uruguaiano e trasmette a chi gli sta dinanzi un misto di scientificità e romanticismo. Il pubblico del locale di via Pasinetti non ha impiegato tanto a percepire che questo artista rappresenta la sintesi della ricerca di suono e sensibilità. E’ davvero travolgente lo studio e la cura della parola. Di fatto, sono proprio le parole che avvolgono lo spettatore che si trova chiuso come in un labirinto in cui ci si vuole perdere.

Voce di grande talento, alchimista della parola, le sue collaborazioni sono varie: Ana Belen, Victor Manuel sino ad arrivare ai nostri Lorenzo Jovanotti e Niccolò Fabi.
Entusiasti gli spettatori: dai gruppi di Uruguaiani in Italia agli amici italiani professionisti come Fabi e Jovanotti. L’entusiasmo non è mancato neanche a chi per caso si trovava alla Salumeria della Musica. Mica tanto per caso, visto che i posti erano tutti assegnati ed è stato registrato il tutto esaurito.

Abbiamo respirato una bellissima atmosfera familiare. Non poteva essere altrimenti con un artista vicino al suo pubblico. In scaletta non sono mancate alcune composizioni per i lungometraggi tra cui l’affascinante Al otro lado del rio, colonna sonora del film "I diari della motocicletta - In viaggio con il Che" per la quale ha ricevuto l'oscar per la miglior canzone. Jorge ha tirato fuori dal suo ultimo album Eco, uscito nel marzo dello scorso anno, molti nuovi brani che ha eseguito con grande passione. Un album registrato a Montevideo con il supporto di musicisti uruguaiani, aregentini, spagnoli e brasiliani. Da notare la partecipazione del percussionista Marcos Suzano. Lo aspettiamo nuovamente a Milano al più presto.

di Nico Re

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati