Cucchiaiate di colore

La salute vien mangiando... la minestra

Zuppa, crema, vellutata, minestra con o senza cereali, mono o multi-cromatica. Un primo piatto da gustare rigorosamente al cucchiaio, scegliendo a seconda della tonalità che più si preferisce. Con una grande certezza: tante vitamine, poche calorie.

ARANCIO VIVACITÀ - É il colore del sole, della vita e dell'energia. Ecco allora la vellutata di zucca: Un piacere per gli occhi e per il palato. Dolce e coinvolgente si chiazza d'oro con l'aggiunta, a crudo, di un po' d'olio extravergine di oliva. 

VERDE SERENITÀ - É la tonalità dell'ecocompatibile, del relax e della tranquillità. E chi ama il vegetale a tutto tondo può scegliere i piselli. Delicati e nobili esprimono una certa ricercatezza. Narra la fiaba della principessa sul pisello che la signorina, messa alla prova dalla regina per diventare la futura sposa del principe, dopo aver dormito su un letto preparato con un pisello sommerso da venti materassi, dichiarò di non aver chiuso occhio perché sentiva qualcosa di duro. Da provare in brodo con il riso.

MARRONE RUSTICITÀ - É il colore della terra, della tradizione, dell'istinto primordiale. Profumo di bosco e sapore deciso per la minestra con il farro e i funghi porcini. Una ricetta semplice, con pochi ma sani ingredienti (brodo vegetale, olio, prezzemolo, aglio, farro e funghi).

BIANCO PUREZZA 
- Colore non-colore. Ma anche colore dell'eleganza e della raffinatezza. Bianco totale per la crema di porri e rape. La dolcezza delle rape si fonde con la sapidità del porro. La punta di avorio aggiunge fascino al piatto.

ROSSO CALORE
- É il colore della passione, della forza, ma anche della generosità e dell'amore. La minestra di radicchio, preparata con un soffritto di cipolla e una buona dose del fiore d'inverno, rallegra la tavola. La tonalità del rosso ricorda gli abiti dei monaci tibetani: un messaggio che rassicura mente e corpo.

A TUTTO MIX - Il minestrone alla milanese, un tripudio di sapori e di colori, un importante apporto di sali minerali e di vitamine. Il marrone dei borlotti, il verde accesso del sedano e della zucchina, il bianco sporco della patata, il rosso del pomodoro, l'arancione della carota. Nella ricetta della tradizione preparato con una battuta di lardo e tante verdure di stagione (chi più ne ha più ne metta). Con o senza l'aggiunta di riso arborio.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati