Asta Tosta

Al Grand Palais di Parigi, l'asta più proficua di tutti i tempi. Ma Picasso ne esce battuto...

Duecentosei milioni di Euro non sono robetta, men che men in questi tempi. È questa la cifra record ricavata dall'asta privata più proficua di sempre. Si è svolta al Grand Palais di Parigi e ad andare all'incanto era la collezione appartenuta al grande couturier Yves Saint Laurent (scomparso lo scorso giugno) e al suo compagno, Pierre Bergé.

Tra le opere accaparrate dai fortunati e - soprattutto - pecuniosi acquirenti,  Cucù su tappeto blu e rosa di Henri Matisse (32 milioni di Euro), una tela astratta di Piet Mondrian, un pezzo di Costantin Brancusi e uno di Marcel Duchamp, un Manet e un Klee. Da tanto sgomitare danaroso, esce "offuscata" la fama del grande Pablo Picasso: ci si aspettavano cifre esorbitanti, una guerra a colpi di palette alzate e assegni a plurimi zeri pronti per essere staccati pur di aggiudicarsi il suo Strumenti musicali su un tavolo, e invece non si è raggiunta nemmeno la cifra di 25 milioni di Euro che era stata fissata in partenza. Sicché il quadro è stato ritirato dall'asta. Anche i ricchi piangono, si dice. Gli estimatori di Picasso pure.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati