Jonathan Safran Foer Se niente inmporta, Milano

Quando la letteratura si fa Eco

Jonathan Safran Foer contro il consumo di carne in Se niente importa. Ne spiega le ragioni durante il suo incontro milanese

Ha scritto solo due romanzi, ma che romanzi! Ogni cosa è illuminata e Molto forte, incredibilmente vicino hanno fatto conoscere al mondo il talento di Jonathan Safran Foer che ora torna in libreria con Se niente importa. Perchè mangiamo gli animali? (Guanda, 18 Euro). Non si tratta di un nuovo romanzo ma di un'indagine giornalistica raccontata con lo stile avvincente di Foer, che invita al consumo ragionevole della carne: "Non voglio convertire i lettori al veganismo! - dice l'autore nella tappa milanese del tour promozionale del libro, alla Feltrinelli di piazza Piemonte - Il target della mia denuncia è l'allevamento intensivo di bestiame, responsabile del 20% delle emissioni di gas serra nell'atmosfera. Non importa se uscite di casa senza spegnere la luce, non importa se avete un suv: l'impatto che queste azioni hanno sull'ambiente sono poca cosa rispetto alla scelta che fate quando scegliete cosa mettervi nel piatto".

Lo scrittore ha deciso di scrivere Se niente importa quando scoprì che sarebbe diventato padre: "Gli uomini tendono a dimenticarsi le cose: mio figlio è stato un promemoria. Mi ha ricordato che dopo di me ci sarebbe stato qualcun altro nel mondo e dunque avrei dovuto prendermene cura. Allo stesso modo il libro vuol ricordare il problema ambientale". Nella sua indagine, l'autore ha visitato gli allevamenti di pollame e non ne serba un buon ricordo: "Non mi piacciono particolarmente gli animali, non provo l'impulso irrefrenabile di accarezzare i cani che vedo per strada e non voglio che gli animali vengano trattati da uomini, ma almeno che siano trattati da animali. Vi assicuro che chiunque troverebbe ripugnanti le condizioni a cui sono costretti i polli negli allevamenti intensivi. È una questione di decenza che ognuno di noi ha". Conclude: "Mangiare meno carne vuol dire assicurarsi che gli animali allevati abbiano una vita più dignitosa e di conseguenza che arrivi sulla nostra tavole carne più sana. Rispetto chi la pensa diversamente, ma ancora non ho trovato una solo argomento a favore del consumo intensivo di carne".

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati