Mangiamo Milano

Due guide. Due bussole. Due baedeker per golosi viaggi in terra meneghina

Milan l'è un gran Milan. È proprio vero. E non solo perché è una metropoli, ma anche perché è la città più globalelocale d'Italia. Un vero crocevia di culture, saperi e sapori. Pur mantenendo tutta al milanesità che le confà. Soprattutto quando si parla di cibo. Ecco allora che accanto a risottino giallo, ossobuco, costoletta e michetta, compaiono altre mangerecce realtà, sia italiane che straniere. Dunque, come fare per sapere dove andare? Semplice o sfrugugliare nel nostro web magazine, oppure affidarsi a due guide fresche fresche di stampa, edite da Terre di mezzo.

PAPPAMONDO - È un mappamondo non da far girare ma da sfogliare. Per muoversi con sicurezza nell'intricata selva gastronomica meneghina, alla ricerca di un posticino dove pranzare o cenare. Provando cucina etnica, ovvero tipica di questo o quel Paese che, dal nostro punto di vista, non sia l'Italia. Oltre 450 i ristoranti e i locali segnalati (e alcuni pure in giro per la Lombardia), suddivisi per continente, a cui si aggiungono rosticcerie, crêperie, takeaway, negozi di alimentari, catering e referenze per servizi a domicilio. Tante le informazioni utili, le curiosità, le specialità, le peculiarità e i piatti consigliati. Con mappa (pardon, pappamappa) a far da prologo e vocabolario dei termini più strani a far da epilogo. Si parte con l'Africa, fra cuscus, tajine, falafel, sambusa e zighinì; si va oltreoceano, nelle Americhe, a ritmo di nachos, tacos, burritos, guacamole, fajitas, feijoada, chili, churrasco, chimichanga, hamburger e carni alla brace; ci si allontana verso Asia e Oceania, perdendosi fra sushi, sashimi, noodles, yakitori, ravioli di gamberi, anatra alla pechinese, nonché pietanze vietnamite, coreane e thai; si ritorna in Europa, fra ostriche, würstel, brezel, spätzle, goulash, moussaka, gyros, gazpacho e paella; e si va un po' qui e un po' là alla scoperta della fusion esperience. Il prezzo del viaggio: 10 euro.

PAPPAMILANO - Tascabilissima la guida ai ristoranti di qualità a buon prezzo, redatta da Valerio Massimo Visintin, critico gastronomico per il Corriere della Sera e Vivimilano. La particolarità? Quella di essere una bussola per assaggi low cost ma ad alta soddisfazione. Spaziando fra pizze e sfiziosi antipastini, gnocchi e risotti, tagliate, tagliolini e tagliatelle, e specialità di questa o quella regione. Senza dimenticare qualche inevitabile suggerimento e divertente aneddoto. Il tutto scritto con piglio brioso. E talvolta, ironico. Il prezzo: 9 euro.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati