Lavori di ristrutturazione Teatro Alla Scala

La Scala raddoppia

Arriva il via libera al progetto Botta, che aumenta le dimensioni del teatro tra tecnologia, design e diciassette nuovi piani

News - Cultura
Data
08/11/2017
Marco Infelise

È un momento storico per uno dei luoghi simbolo di Milano. Il Teatro alla Scala “raddoppia” e passa, grazie a lavori di ristrutturazione, dagli attuali 1.970 mq a circa 3.300.

Il Consiglio d’Amministrazione della Fondazione che porta il suo nome, presieduto dal sindaco Beppe Sala, ha infatti dato il via libera per la costruzione dei nuovi spazi, certificando i lavori già iniziati che riguardano l’ex palazzina di via Verdi, dietro il teatro a destra guardando la sua facciata.

I lavori prevedono la costruzione di uffici, e servizi distribuiti su undici nuovi piani fuori terra e sei sotterranei, con scavi che arriveranno fino ai diciotto metri di profondità. E poi la realizzazione di una nuova torre che si affianca a quella scenica. Il tutto per un costo totale fra i dieci e i quindici milioni di euro.

Il progetto per la nuova Scala prevede la costruzione di una seconda torre

Il progetto per la nuova Scala prevede la costruzione di una seconda torre

UNA GRANDE SCALA, NEL 2020

Soprattutto, la decisione dà l’ok definitivo alla realizzazione del progetto di Mario Botta per una Grande Scala.Un progetto che risale in realtà ai primi Anni Duemila, quando l’architetto realizzò la torre elittica che svetta dietro la facciata neoclassica di Giuseppe Piermarini, poi slittato per mancanza di fondi e impicci burocratici.

La parte nuova servirà soprattutto per risolvere il problema del palcoscenico, che avrà più spazio per spostare le scenografie con una profondità super di 70 metri. Secondo problema risolto quello della biglietteria, che sarà unificata mentre oggi è divisa in due: la biglietteria diurna dentro la stazione Duomo della metro, quella serale in uno spazio in via Filodrammatici dove una volta c’era l’ingresso della Piccola Scala.

Terzo beneficiario della novità l’Orchestra, che avrà finalmente una sala prove con un’acustica all’altezza. La fine dei lavori è prevista non prima del 2020.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati