Cultura

La Fondazione De Fornaris alla GAM

I due giganti dell'Arte torinese mostrano al pubblico le acquisizioni dell'ultimo quarto di secolo della Fondazione che porta il nome del facoltoso collezionista

La GAM di Torino e la Fondazione De Fornaris sono due realtà importantissime nel panorama artistico torinese e non solo. Con il patrocinio della Fondazione Torino Musei, questi due pesi massimi dell'Arte hanno deciso di investire tempo, denaro e spazi in una mostra che raccoglie il meglio di 25 anni di vita della Fondazione che porta il nome di Ettore De Fornaris.

A CACCIA DEL BELLO - Ettore De Fornaris fu un uomo discreto, come tanti torinesi doc. Lo fu al punto da non lasciare ai posteri aneddoti o curiosità sulla sua vita, e forse è meglio così. Perchè quel che ha badato a tramandare è invece un patrimonio artistico di valore eccezionale, accumulato fin dalla giovinezza, sull'onda di quella fame del bello che fatica a essere saziata, come ogni collezionista sa bene. Pittore e artista in prima persona, De Fornaris inizierà a "racimolare" i suoi Balla, Boccioni, Rosai, Morandi, Hayez e Vedova (ma l'elenco andrebbe oltre) solo dopo i cinquantanni per disporre immediatamente che tutta quella bellezza apparterrà dopo la sua morte a una Fondazione.

LA "ROBA" DI DE FORNARIS - A oltre mezzo secolo da quella prima raccolta di quadri e sculture, si inaugura la mostra La Fondazione De Fornaris. 25 Anni d'Arte. Acquisizioni 1982 - 2007 per la GAM di Torino. Le opere selezionate cominciano là dove termina la vita del facoltoso collezionista. Il mecenate morì infatti nel 1978 e i curatori della mostra hanno selezionato quei pezzi della Fondazione che avrebbe meritato l'approvazione dello stesso De Fornaris se fosse stato ancora in vita. Passeggiare per le sale della GAM, godendo dell'opera di de Chirico, Casorati, Merz o Burri non suscita solo meraviglia e piacere, ma dimostra quantomeno che accumulare per sè stessi è fatica miserabilmente inutile (come insegnava Verga nella novella La roba), e che, per quanto possa essere temporaneamente acquistata, la Bellezza meriti di essere goduta non solo al singolo, ma da tutti.

INFO UTILI - La mostra sarà accessibile presso la Sala mostra al pian terreno della GAM, fino al 27 gennaio, da martedì a domenica dalle ore 10 alle ore 18, al costo di Euro 7,50 per il biglietto intero ed Euro 6,00 per il ridotto.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
  • ARGOMENTI