IV edizione de "I luoghi del Cuore"

Al grido di "Cancelliamo insieme le brutture d'Italia", il FAI comunica la triste classifica annuale. E c'è anche Milano

News
Cultura

I Luoghi del Cuore è il censimento organizzato ormai da quattro anni dal FAI che raccoglie le segnalazioni dei comuni cittadini arrivate attraverso il sito ufficiale http://www.iluoghidelcuore.it/. Il tema di quest'anno era Cancelliamo insieme le brutture d'Italia, con l'obiettivo di portare alla luce gli scempi e le trascuratezze che minacciano o peggio hanno già danneggiato luoghi e le istituzioni di interesse storico, culturale e naturalistico in tutto il Belpaese.

Per questa edizione sono pervenute 110.000 segnalazioni al Fondo per l'Ambiente Italiano. In testa ai luoghi segnalati dai cittadini c'è il Castello della Colombaia di Trapani, un capolavoro le cui fondamenta risalgono addirittura ai Cartaginesi, il cui restauro è bloccato da anni dalla solita burocrazia. Se al terzo posto troviamo le antenne, già esistenti e in progetto, e i resti di un albergo diroccato sul Monte Gennaro in un centro della provincia romana: Palombara Sabina (Roma). Ma al secondo gradino di questo triste podio sale Milano per via della ciclica potenziale scomparsa della Libreria Bocca in Galleria Vittorio Emanuele.  

Ben 5.258 segnalazioni hanno protestato con il loro voto contro la possibile scomparsa della storica libreria, da anni ormai alle prese con un contratto d'affitto insostenibile per un piccolo negozio storico. Quali reazioni da parte delle istituzioni? Ecco le parole dell'Assessore alla Cultura Finazzer Flory: "La prima azione da intraprendere per evitare la deleteria scomparsa degli esercizi storici della città, in particolare delle librerie, è comprare libri e orientare i nostri consumi da quelli materiali ed effimeri a quelli che invece nutrono la nostra memoria e la nostra immaginazione". E ancora: "Se Milano è ancora la capitale dell’editoria, deve mettere insieme le migliori energie - politiche ed economico-sociali - intorno a questo tema. Tutto ciò sarà al centro del mio progetto Le Giornate della Lettura, che si svolgerà il 20 – 21 – 22 marzo. Inviterò i rappresentanti delle più importanti istituzioni cittadine a confrontarsi sul rapporto tra storia e futuro delle politiche culturali". Basterà?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati