Gli scrittori ci guardano

Tra le pareti bianche della Galleria Sozzani, gli intellettuali del secolo scorso lanciano occhiate vivissime grazie agli scatti di Gisèle Freund

Quanti libri vorremmo leggere, senza trovarne il tempo? Non resta che aspettare il momento propizio per perderci tra le pagine di Gita al faro o di Finnegans Wake, mentre più facile è scoprire i volti di chi quelle pagine le ha scritte. Alla Galleria Sozzani sono esposti numerosi ritratti di molti grandi della letteratura del '900 e di altri artisti dello scorso secolo firmati da Gisèle Freund, fotografa autrice di reportage e saggi sulla sua arte, nonchè figura di riferimento per molti illustri colleghe, come Grazia Neri.

"L'ARREDAMENTO DI UNA CASA RISPECCHIA CHI L'ABITA" - Su una parete della galleria campeggia una frase della Freund: "Ho sempre preferito fotografare una persona nella sua intimità, in mezzo ai soi oggetti personali. L'arredamento di una casa, rispecchia chi l'abita." E così ecco lo studio di Frida Kahlo, immortalato senza la presenza della pittrice, poichè è sufficiente il suo autoritratto che campeggia tra colori e pennelli. E Neruda, appena visibile oltre una credenza decorata con cartoline di fiori, donne, numeri e nomi.

DOV'E' RIVOLTO LO SGUARDO? - Lei, Gisèle Freund, che non si è mai creduta un'artista, ma una semplice divulgatrice di ciò che è l'essere umano, ha catturato sguardi su sguardi: quello fisso sul vuoto dei grandi occhi scuri di Virginia Woolf, quello di Samuel Beckett appena percettibile tra le pieghe delle rughe della pelle, quello pieno di malinconia di André Malraux. Una malinconia che si estende a tutta la fotografia, sicché non è Malraux protagonista del ritratto ma la malinconia stessa.

I libri di questi scrittori ci hanno fatto desiderare di conoscerli di persona o di poter stringere loro la mano. Il tempo ce li ha portati via, la fotografia li ha immortalati regalandoci l'illusione di afferrare un pezzetto di quel che furono e sempre saranno perchè, come scrisse Calvino, i classici non muoiono mai.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati