Contenitori di vita

Caffè, ristoranti e loft artistici nei volumi che parlano per immagini di Motta Editore

Per il pubblico più curioso Federico Motta Editore ha pensato alla collana Tools, i libri che parlano attraverso le immagini. Veri e propri viaggi fotografici alla scoperta delle architetture, dai giardini ai salotti d'autore, dalle cucine alle piscine, dai musei agli showroom. In occasione del Salone del Mobile 2007 sono recentemente usciti Caffè e ristornati 2 e Loft 2, a cura degli architetti Matteo Genghini e Pasqualino Solomita.

CAFFE' E RISTORANTI D'AUTORE - Anche l'occhio vuole la sua parte e si sa che se un buon piatto è gustato fra piacevoli mura, l'esperienza culinaria può diventare indimenticabile. Eccessivi, vitali, ricchi, essenziali, esclusivi, tradizionali. Tutto e il suo contrario. Specchio di una società contemporanea spesso contraddittoria, questi spazi della vita sociale riflettono una complessità difficilmente riconducibile a catalogazioni logiche e lineari. Nella ristorazione il ruolo dell'architettura diviene strategico, seppur inserita in un contesto che registra condizionanti intrecci di fattori come economia, marketing e costume. La capacità di pensare e disegnare spazi, propria della disciplina, diviene una risorsa indispensabile nell'inseguire un mercato vasto e competitivo. Ambienti accoglienti e rassicuranti, innovativi e stimolanti. L'intento è di evidenziare il controllo architettonico quale fattore primario della qualità dei progetti, indipendentemente da localizzazioni e fattori dimensionali, evitando di delineare linee di tendenza stilistiche specifiche, per non creare una parziale e forzata riduzione di un vasto panorama oggettivamente privo di coerenza.

LOFT, CONTENITORI DI VITA - Lo spazio unico raccoglie le diverse funzioni, non le isola ma le integra, si adegua alle diverse situazioni dando loro ampio respiro. Il loft inteso sia come spazio, sia come vera e propria scelta abitativa, non trova ancora oggi una definizione esatta, anche se si tratta di un fenomeno che negli ultimi decenni ha trovato una notevole diffusione e un valido riscontro nelle pubblicazioni. In un tempo non molto lontano gli atelier d'artista sono stati i primi modelli di un nuovo stile abitativo, inedito e per certi versi anomalo. Oggi ritrovare magazzini, vecchie tipografie o laboratori trasformati in abitazioni non vanno interpretati come un semplice ripiego, ma come una nuova e stimolante soluzione abitativa. Nei loft si ritrovano i caratteri salienti delle abitazioni tradizionali, ma liberamente mescolati alle caratteristiche di questi "grandi contenitori" che hanno perso la propria primaria funzione. Luce, aria, spazi aperti rappresentano i punti di forza di questo riuso. Abitare e vivero un loft implica una diversa percezione del tempo e dello spazio, ma soprattutto risalta il valore aggiunto di un'estetica industriale. Il volume offre una panoramica che indaga non solo le funzioni abitative, ma anche le suggestive immagini dei loft utilizzati come sedi degli studi di architettura, showroom di moda, agenzie di comunicazione, abitazioni di artisti.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati