Transformers 3 Recensione

Transformers 3: il lato oscuro della luna

I robot della Hasbro tornano sugli schermi per mostrare il loro "dark side"

Steven Spielberg, in veste di produttore, e Michael Bay, in cabina di regia, riprendono in mano i famosi robot anni Ottanta per completare la trilogia Transformers, nata nel 2007. Quella di Transformers 3. Il lato oscuro della luna è una trama semplice e non si discosta poi molto dai precedenti capitoli: anche questa volta infatti il buon Sam Witwicky (Shia LaBeouf) dovrà aiutare gli Autobot nella lotta contro i Decepticon e il loro capo recidivo Megatron, con un promettente prologo che ci riporta al primo sbarco sulla luna del '69.

IL CAST, CONFERME E NEW ENTRY  - Shia LaBeouf, nei panni di Sam Witwicky, e Rosie Huntington-Whiteley, in quelli di Carly Miller, sono la coppia protagonista della storia. Il primo riveste un ruolo che gli è abbastanza congeniale, ma è forse distratto dall'idea del prossimo (se si farà) Indiana Jones. La Huntington-Whiteley sostituisce Megan Fox, fatta fuori per divergenze con Bay, ma come lei si destreggia solo tra due espressioni facciali: o è allegra o è preoccupata (vedi foto in gallery, ndr). E ancora nel cast i soliti Josh Duhamel, Tyrese Gibson e John Turturro, oltre alle new entry Patrick Dempsey e Frances McDormand, e due - sprecati - camei di John Malkovich e Ken Jeong. Un cast davvero stellato, anche se le vere star sono i giocattoloni, tra cui Optimus Prime, Bumblebee, Sentinel Prime, tutti con tecnologia CGI (Computer-Generated Imagery) che si trasformano e lottano con movimenti sempre più realistici.

CONSIGLI PER LA VISIONE - 195milioni di dollari è il budget speso per questo terzo atto, contro i 150 e i 200 dei precedenti (riusciti a incassare rispettivamente 708 e  832). Una cifra investita per inscenare l'eterna lotta tra i robot buoni e cattivi, zeppa di effetti speciali, intermezzi comici, più o meno riusciti, scene d'azione confusionarie e infinite, come è d'uopo nei film di Bay. Il consiglio è di comprare parecchio popcorn perché la durata del film è sostanziosa (150 minuti) e il 3D, pur di qualità, non sempre terrà alta la vostra concentrazione. Ma niente panico, Il lato oscuro della luna è meno deludente del sequel La vendetta del caduto. Al cinema da mercoledì 29 giugno.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati