Cinema

Oscar 2010: già escluso Baarìa

Anche Almodóvar tagliato fuori dalla corsa alla statuetta per il miglior film

Si stringe il cerchio sulle possibili nomination all'Oscar per il miglior film straniero degli Academy Awards 2010. E l'Italia non c'è. Tagliato fuori Baarìa, che pure si era guadagnato una nomination agli ultimi Golden Globes, restano in lizza nove titoli, per nove cinematografie nazionali dove l'Europa ha una presenza massiccia.

Nella shortlist troviamo infattti Il nastro bianco (Germania), Il profeta (coprodotto da Francia e Italia, in uscita da noi a febbraio), dell'olandese Winter in Wartime e il primo film bulgaro arrivato fin qui nella corsa agli Oscar: The world is big and salvation lurks around the corner. Bene anche l'America Latina, con il peruviano Il canto di Paloma (La teta asustada, Orso d'Oro a Berlino 2009) e l'argentino El secreto de sus ojos. Altri concorrenti sono Samson and Delilah per l'Australia, Ajami per Israele e Kelin per il Kazakistan.

Scelte completamente diverse da quelle della stampa estare che assegna i Golden Globes: oltre a Baarìa, manca il cileno La nana e Gli abbracci spezzati di almodovar. Assenze sottolineate anche da Variety, che non manca di rilevare le clamorose omissioni dell'Academy: prima fra tutte quella nei confronti di Gomorra del 2008 e del rumeno 4 Mesi, 3 Settimane e 2 Giorni nel 2007.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati