MilanoCinemaShow

La gastronomia esce dal grande schermo dello Spazio Oberdan

Pietanze, sapori e gusti escono dall'ambiente culinare e si mettono in pole position davanti alla macchina da presa. Chi è a dieta ferrea può anche non temere di prendere troppi chili. Immaginate di trovarvi davanti a Charlot alle prese con le sue torte in faccia - siamo ai tempi del cinema muto e della slapstick comedy - o alla tavola imbandita da Ugo Tognazzi nel capolavoro di Marco Ferreri "La grande abbuffata", dove un ricco menu può trasformarsi in una lama tagliente per distruggersi a limite della delirante catastrofe interiore dell'essere umano.

Allo Spazio Oberdan fino al 9 ottobre c'è il MilanoCinemaShow (ingresso Euro 5,00/3,00), una rassegna euforica dove il cibo diventa il protagonista delle pellicole che hanno fatto la storia del grande schermo. Promossa da Slow Food, la Fondazione Cineteca Italiana e l’Assessorato alla cultura della Provincia di Milano, l'iniziativa ci propone un concentrato di film, cortometraggi e documentari, anche inediti, che sono interamente dedicati al mondo del "drink e della forchetta". Una proposta insolita per gustare pellicole di tempi diversi che accorpano memoria storica e presente.

Per i meno giovani sarà una bella occasione per recuperare sul grande schermo film restaurati e introvabili come The Shakedown di Wyler o pezzi del nostro neorealismo come l'indimenticabile Riso Amaro di De Santis (6 ottobre, ore 17.30). Nel programma, c'è un ricco menu: dal Pranzo di Babette, tratto dal romanzo di Karen Blixen (5 ottobre, ore 17.00) a Mondovino di Nossiter (8 ottobre, ore 15.00), da Super Size Me di Spurlock (9 ottobre, ore 11.00), bel documentario sul problema dell'obesità, a Mangiare bere uomo donna di Ang Lee (9 ottobre, ore 15.00), dove il rapporto difficile tra un cuoco e le tre figlie sarà un prestesto per spiluccare pietanze del Sol Levante.  

Per gli irriducibili si consigliano la sezione Corti e Mangiati, con una serie di cortometraggi dove l'arte del mangiare si sviluppa tra riti, ossessioni e liberazione, e  l'angolo degli assaggi e delle degustazioni che chiuderà ogni sera le proiezioni a partire dalle ore 23.00. Pertanto, armatevi di forchetta e coltello... e buona visione a tutti.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati