Festival del cinema di Roma 2009, i vincitori

L'amore (diverso) trionfa a Roma

Brotherhood è il film vincitore del Marc'Aurelio d'oro 2009

In barba ai diversi episodi omofobi che ha vissuto e che la cronaca recente ci ha raccontato, Roma premia con il suo Film Fest il film Brotherhood, racconto dell'amore omosessuale fra due ragazzi e per di più neonazi. A vincere il Marc'Aurelio d'oro della giuria è dunque questa pellicola del danese Nicola Donato, mentre il premio assegnato dalla giuria popolare è andato a una vecchia conoscenza milanese: Giorgio Diritti e al suo L'uomo che verrà, primo lungometraggio del regista di Il vento fa il suo giro, proiettato al Mexico per mesi e mesi consecutivi, portando fortuna a Diritti. Il suo film si è aggiudicato anche il Gran Premio della Giuria.

Migliori attori Sergio Castellitto per Alza la testa, dove interpreta il padre, operaio e single, di un ragazzo che ha il sogno di diventare campione di boxe ed Helen Mirren per The Last Station, in cui è la moglie del grande romanziere russo Leo Tolstoj.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati