Golden Globes 2009

Un film che sbanca tutto, un'attrice che si intasca due premi, un attore trapassato che fa ancora la sua figura... e l'Italia?

L'edizione 2008 era passata in sordina a causa dello sciopero degli sceneggiatori, ma per il 2009 i Golden Globes hanno risfoderato il solito tocco glam: red carpet, paillettes, smoking, trucco e parrucco perfetto dei protagonisti, ovvero attori, registi e addetti ai lavori di cinema e tv. La prima notizia non è buona però, perchè la stampa straniera di Hollywood non ha consegnato alcun riconoscimento a Gomorra, preferendogli il film animato Valzer con Bashir, appena uscito nelle sale italiane.

CHI VUOL ESSERE "THE MILLIONAIRE"? -
La pellicola che ha conquistato i giurati è stata The Millionaire di Danny Boyle: miglior film drammatico, miglior regia, sceneggiatura e colonna sonora (la canzone più bella però è stata giudicata The Wrestler, di Bruce Springsteen per il film omonimo, ndr) si appresta a sbaragliare tutti anche ai prossimi Oscar. I suoi rivali sono stati Il curioso caso di Benjamin Button, The reader, Frost/Nixon e Revolutionary road. Miglior commedia è Vicky Cristina Barcelona di Woody Allen, che però non ha i numeri per riuscire a competere sul serio col film di Boyle nella gara agli Oscar.

GLI ATTORI -
Tra le categorie dedicate alle performance recitative, riconoscimenti a una Kate Winslet da primato (vince come miglior protagonista e non protagonista, rispettivamente per Revolutionary road e The Reader), riuscendo in una doppietta che nella storia dei Globes era accaduta solo altre due volte. L'elenco dei premiati prosegue con un Mickey Rourke ricompensto dopo aver perso il Leone d'Oro a Venezia per The Wrestler, l'insolitamente sobrio Colin Farrell miglior attore nella sezione dedicata alla commedia (In Bruges) e la sorridente Sally Hawkins per cui la pellicola di Mike Leigh La felicità porta fortuna non poteva essere di miglior auspicio. E' arrivato anche il tanto atteso riconoscimento a Heath Ledger - morto tragicamente quasi un anno fa - per la sua interpretazione di Joker in Batman - Il Cavaliere Oscuro, ciò fa ben sperare per la notte degli Oscar del prossimo febbraio. Il robottino Wall-E ha sbaragliato la concorrenza tra i film d'animazione, confermando i pronostici e infine, per quest'anno, il riconoscimento alla carriera Cecil B. DeMille è andato a Steven Spielberg. Arrotolate il tappeto rosso, si rifacciano i pronostici e segnatevi questa data: 22 febbraio, la notte degli Oscar.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati