Cinema

Cannes premia Bertolucci

Palma d'Oro alla carriera per il regista italiano

Con Ultimo Tango a Parigi, ha suscitato scandalo (e censure). In The Dreamers, ha raccontato il Sessantotto attraverso gli occhi di tre sognatori belli e irrequieti. Ora dichiara di voler girare un film in 3D. Da cinquant'anni l'instancabile regista Bernardo Bertolucci lavora a progetti importanti e originali, seppure talvolta criticati o interrotti. Un impegno che a maggio verrà premiato con la prestigiosa Palma d'Oro alla carriera al Festival di Cannes.

SULLA CROISETTE - Da quest'anno l'ambito riconoscimento, che nel 2002 fu assegnato a Woody Allen e nel 2009 a Clint Eastwood, diventa un appuntamento stabile del festival francese. A premiare Bertolucci nella sera dell'11 maggio, sarà il Presidente della Giuria Robert De Niro. L'occasione è doppiamente significativa: l'attore italoamericano era nel cast di Novecento, epopea proletaria ambientata nell'Emilia della Prima Guerra Mondiale.

NOVITÀ PER IL FUTURO - Dimostrando di non volersi mai ripetere, Bertolucci stupisce annunciando che il suo prossimo film sarà in 3D. Si tratta dell'adattamento cinematografico del romanzo Io e te di Niccolò Ammaniti. Una storia che mescola sogno e realtà, quasi interamente ambientata in una cantina. Le riprese cominceranno in autunno, e il cineasta assicura che non firmerà una pellicola in stile Avatar. "Mi piace l'idea di sedermi sul tappeto volante che offre questa tecnologia" spiega "ma voglio usarla per andare ancora più a fondo nei personaggi che racconterò". Un obiettivo ambizioso, che incuriosisce e genera grande attesa. Staremo a vedere.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati