Ti Amo al Cinema

Breve guida alle uscite cinematografiche di San Valentino

Lo scorso anno tennero banco Parlami d'Amore e il mocciano Scusa ma ti chiamo amore. Quest'anno chi saranno i campioni di incassi del week end di San Valentino? Le produzioni italiane si fanno trovare preparate con le uscite strategiche di Ex e Questo piccolo grande amore. Ma nel paniere c'è di più.

LOVE SPEAKS ITALIAN - Cominciamo dall'inizio, e cioè con il nuovo film di Fausto Brizzi, già regista di Notte prima degli esami 1 e 2 e di Questa notte è ancora nostra. Stavolta lascia perdere i richiami al pop di Antonello Venditti e lascia a casa l'attore feticcio Nicolas Vaporidis per raccontare di Ex i cui scheletri escono dall'armadio nelle vicende dei protagonisti. Ex è un film a episodi dal cast ricchissimo che promette risate e romanticismo. Se lo sguardo di Brizzi si rivolge a un pubblico più adulto di quello dei suoi precedenti lavori, gli adolescenti non rimarranno orfani della loro storia d'amore cult nemmeno per questo San Valentino, che porta con sé nientemeno che Questo piccolo grande amore. Regista e attori hanno un curriculum cinematografico piuttosto breve alle spalle, ma lo sceneggiatore Ivan Cotroneo la sa lunga. Autore della serie tv di successo Tutti pazzi per amore e delle pellicole Piano, solo e L'uomo che ama, ha infarcito la sua ultima fatica di elementi  decisivi per un buon risultato al botteghino. A cominciare dalla scelta di ambientare il film agli inizi degli anni '70, in piena contestazione giovanile: Andrea e Giulia, un universitario e una liceale si conoscono ed esplode la passione, la loro prima storia seria, quella che li traghetterà dall'adolescenza all'età adulta.

UNA LACRIMA SUL VISO - Un altro italiano furoreggia nei cinema di questi tempi: Gabriele Muccino. Il suo Sette Anime, realizzato con l'amico Will Smith in terra americana, sembra soddisfare
le esigenze di chi a San Valentino non mette piede al cinema se non ha la garanzia di usare i fazzoletti: tranquilli, la storia tra il misterioso agente del fisco Ben e la morente (causa cuore malato, guarda un po') Emily soddisfa l'esigenza. Più articolato, più sognante (ma anche più martoriato dalla critica, a onor del vero) è il kolossal Australia: tra  mandrie bovine, pesanti bombardamenti e piccoli meticci orfani, Nicole Kidman capitola tra le braccia di Hugh Jackman e il romanticismo si palesa sullo sfondo dell'Outback australiano, immortalato tra le luci più suggestive della giornata. Decisamente più leggero è Nick e Norah: tutto accadde in una notte, sull'amore che imprevisto (come nei migliori copioni) sboccia tra due ragazzi, raccontato con uno stile vagamente echeggiante Prima dell'Alba.

UN
SAN VALENTINO DA PAURA - Se mal sopprotate le zuccherose manfrine dei titoli più dolci, il week end cinematografico è tutt'altro che perduto grazie all'ultima pellicola di David Fincher: Il curioso caso di Benjamin Button, candidato a ben 13 premi Oscar. L'alternativa più trash del fine settimana è il remake di Venerdì 13: d'altro canto, quale film migliore di un horror per avvilupparsi al proprio partner in preda ad un attacco (simulatissimo) di paura?

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati