Mostra Pipilotti Rist, Recensione

Arte

Magica Pipilotti

All'ex Cinema Manzoni, la videoartista ricrea un universo affascinante e colorato

Ci si accorge del grande potere dell'Arte quando questa riesce a illuminare luoghi dimenticati, facendoli ritornare in vita come per magia. È il caso di Parasimpatico, la prima grande personale milanese della videoartista svizzera Pipilotti Rist (al secolo Elisabeth Charlotte Rist). Nell'ex Cinema Manzoni, chiuso al pubblico dal 2006, l'autrice trasferisce un universo di suggestioni venate da colori psichedelici e attraversate da suoni coinvolgenti.

Bolle di sapone, acqua, fiori, figure umane in movimento: dall'elegante foyer all'ampia sala di proiezione, il cinema torna a splendere con visioni intriganti, sospese tra sogno e realtà. "Trovo ispirazione nei posti più strani" dice Rist "Dalle bustine di zucchero ai giochi di luce in natura fino al movimento ipnotico delle interferenze in bianco e nero su un vecchio televisore (...) Credo che tutto intorno a noi abbia un significato cosmico. Dobbiamo solo imparare a leggerlo". Immagini ad alta risoluzione e fotogrammi sgranati si alternano così in un percorso emozionale, che convive perfettamente con i sontuosi interni dell'edificio, con gli affreschi e con le sculture che decorano quella che per cinquant'anni è stata la sala cinematografica più importante di Milano. Merito anche della Fondazione Nicola Trussardi, da sempre impegnata nella valorizzazione di location in disuso, trasformate di volta in volta in sorprendenti spazi espositivi. Speriamo solo che la nuova vita del Manzoni non si concluda il 18 dicembre, quando i proiettori si spegneranno.

Parasimpatico
Ex Cinema Manzoni (via Manzoni, 40). 
Aperto tutti i giorni (dalle ore 11 alle ore 21) fino al 18 dicembre. Ingresso libero
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati