Spettacolo

Simone Cristicchi

Il cantante in scena al Teatro Verdi con il monologo "Li Romani in Russia"

Spettacolo Prosa
Dal 24/01/12 al 29/01/12
+39 02 27002476
Teatro Verdi
ATTENZIONE: Evento scaduto
Simone Cristicchi nelle insolite vesti di attore. Il cantautore romano dal 24 al 29 gennaio è in scena al Teatro Verdi con il monologo Li Romani in Russia. Tratto dall'omonimo poema in versi di Elia Marcelli, lo spettacolo ha debuttato a Mosca lo scorso ottobre nell'ambito di Solo, la rassegna internazionale del monologo. Al centro della narrazione, le vicende di un gruppo di giovani soldati partiti per la disastrosa campagna di Russia durante la seconda guerra mondiale. L'orrore della guerra, le false promesse, lo sbando, la fame, il freddo e la terribile disfatta sono descritte con intelligenza in un monologo corale che alterna momenti drammatici e lirismo a toni grotteschi e divertenti. La regia è di Alessandro Benvenuti.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati
SCRIVI & VINCI CON LA COMPETITION
2 Biglietti Omaggio
Descrizione: Li Romani in Russia racconta la drammatica campagna di Russia della seconda guerra mondiale: su 220mila soldati fecero ritorno a casa in circa 90mila. Una tragedia umana e una grande disfatta. Raccontateci come reagite di fronte alle disfatte della vita quotidiana. Vince due biglietti per lo spettacolo del 25 gennaio il commento più interessante.
Scadenza: 18/01/2012 alle 23.59
Visualizza tutte le Competition
COMPETITION SCADUTA
Ha Vinto: Arianna
Commento: riderci sopra, anche quando le cose sembrano andare tutte per il verso sbagliato io cerco di trovare il lato buffo e rido, a volte fino alle lacrime perchè mi fa bene, mi fa sentire meglio e mi fa vedere le cose da un altro punto di vista e allora ci provo, mi butto e alla fine in un modo o nell'altro trovo sempre un rimedio per guardare avanti
Presenti 11 commenti.
Meglio un pezzo di Pane che la gloria!!!
Di Marco postato il 17/01/2012 20:00:09
Mio Nonno mi dice sempre che ai suoi tempi c'era "uno" che diceva "Volete il Pane o la guerra?" e i sudditi rispondevano: "la guerra". Oggi forse si potrebbe sostituire con Ipod-Iped, ecc.. Quindi io preferisco Cristicchi di tanti altri cantanti che parlano di inutilità!
..dico soltanto.......
Di elena postato il 17/01/2012 19:03:33
BARCOLLO MA NON MOLLO!!!
così va
Di chiara postato il 17/01/2012 10:17:34
la disfatta se si è dato il massimo è solo uno dei possibili epiloghi che può assumere una vicenda e quindi va accettata e dopo lo sconforto iniziale, che colpisce indubbimente ,si deve senza dubbio rialzarsi
Ingiustizie: parliamone di più!!
Di Enrico postato il 17/01/2012 00:12:58
Una scrittrice indiana dice "se non sai come fermare un ingiustizia, fai in modo che se ne parli il più possibile"! Questa breve frase ma intensa di significato mi ha sempre fatto molto riflettere: alla base di ciò, e sapendo che risolvere le ingiustizie della vita quotidiana e della società attuale è un impegno forse al di sopra delle mie (e nostre) reali possibilità, cerco sempre di contribuire a prevenirle per cercare di evitare che succeda la medesima cosa a qualcun'altro. Questo sì che è alla portata mia e di tutti!!
Beckett insegna
Di Cristina postato il 16/01/2012 16:53:28
"Non importa. Prova ancora. Sbaglia ancora. Sbaglia meglio"
Pensiero positivo
Di Dina postato il 16/01/2012 15:19:32
Cercare di individuare i pensieri negativi che stanno alla base dei nostri comportamenti anti-sociali e cambiando lo stile dei nostri pensieri si può imparare ad essere ottimisti, anche se ci siamo sempre definiti e riconosciuti come pessimisti.
quello che ho
Di laura postato il 16/01/2012 14:43:49
penso a quello che ho.Meno di molti, più di molti altri. E che non scambierei col successo dove ho fallito.
fuga altrove
Di giada postato il 16/01/2012 14:32:21
Piccole o grandi chiunque ha sconfitte nella vita! Io ho avuto notevoli difficoltà a reagire forse perchè mi sono trovata ad affrontare cose più grandi di me....non sò....fatto sta che di fronte alle sconfitte non so reagire e vorrei sapere come fate voi a superare questi momenti. Fin ora il mio reagire anzi....non reagire...è stato fuggire alla realtà chiudendomi su forum e quant'altro....che ho scoperto per me rappresentano evasione!Fuga!Di certo non risolverò i miei problemi cosi' ed è il classico serpente che si mordo la coda....starò sempre peggio...se non imparo a reagire in modo positivo......ma come si fa?forse ho un carattere troppo debole......e non riesco ad "aggredire la vita".
Il segreto è...
Di Arianna postato il 15/01/2012 20:53:41
riderci sopra, anche quando le cose sembrano andare tutte per il verso sbagliato io cerco di trovare il lato buffo e rido, a volte fino alle lacrime perchè mi fa bene, mi fa sentire meglio e mi fa vedere le cose da un altro punto di vista e allora ci provo, mi butto e alla fine in un modo o nell'altro trovo sempre un rimedio per guardare avanti
Ottimismo,ottimismo,ottimismo...
Di Nicola postato il 12/01/2012 15:07:38
e anche un pò di sana ironia(e autoironia)!Un ottimismo flessibile e realistico è fondamentale per cercare di essere felici e realizzare le proprie aspirazioni,immunizzandosi dalla depressione che purtroppo è dietro l'angolo e ci circonda.Ogni giorno mi sveglio con la ferma volontà di affrontare con serenità ed entusiasmo il futuro e reagire con intelligenza ai fallimenti e alle sconfitte che inevitabilmente sono presenti nella mia vita come in quella di ogni uomo.Pure l’umorismo, la satira, l’ironia, la freddura, il comico e il grottesco possono rivelarsi un valido stimolo per riflettere di più e conseguentemente per reagire con ottimismo costruttivo alle avversità, cercando di coinvolgere anche coloro che non posseggono questa caratteristica. Bisogna vincere la tendenza a “risparmiare” sull’umorismo e a “spendere” sulla tristezza e l’autocommiserazione.Quotidianamente cerco di farlo e spesso strappo un sorriso anche a chi è un pò triste o semplicemente un pò musone.
speranza
Di natascia postato il 11/01/2012 12:01:03
La vita è costellata di disfatte io personalmente dopo i primi momenti di sconforto o agitazione riprendo il controllo e SPERO che il tutto migliori, questo metodo anche se non sempre FACILE penso che mi eviti la pazzia o il suicidio,fate voi.

Informazioni su: Simone Cristicchi a Milano

+39 02 27002476
Spettacolo Prosa
Dal 24/01/12 al 29/01/12
Garibaldi
Via Pastrengo, 16 - 20159 Milano
Euro 20
Dal martedì al sabato: ore 21; domenica: ore 16.30; lunedì: riposo

Indirizzo Simone Cristicchi Milano

Indirizzo: Via Pastrengo, 16 - 20159 Milano