Mostra Renato Bazzoni a Milano

Al FAI gli scatti di Bazzoni descrivono e interpretano le grandi trasformazioni del Paese

ATTENZIONE: Evento scaduto
Mostra
Fotografia
Data
Dal 30/01/15 al 01/03/15
Location
Indirizzo
Via Carlo Foldi, 220135 Milano
Telefono
+39 02 467615348
Zona
Porta Vittoria
Orario
dal lunedì al venerdì: dalle 10.00 alle 13.00; dalle 14.30 alle 17.30. Il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 17.30
Ingresso
Libero
Fascia di Prezzo
Gratis
Mostra
Fotografia
Alberatura nella campagna lombarda - Milano - Renato Bazzoni
Renato Bazzoni mentre fotografa - Vittorio Pigazzini
Telefono
+39 02 467615348
Indirizzo: Via Carlo Foldi, 2 - 20135 Milano

Conoscere e amare l’Italia: le trasformazioni del Paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni, padre del FAI, dal 30 gennaio al primo marzo 2015 in mostra alla Cavallerizza, sede operativa del FAI (Fondo Ambiente Italiano).

L'esposizione ripercorre le tappe del suo impegno civile per la tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale italiano a partire dagli anni Cinquanta.

Alberatura nella campagna lombarda - Milano - Renato Bazzoni

Alberatura nella campagna lombarda - Milano - Renato Bazzoni

Architettura spontanea nei primi anni Cinquanta

Renato Bazzoni, architetto nella Milano della ricostruzione e del boom economico, progettò abitazioni e ospedali, edifici alberghieri e industriali.

La sua passione fu l’architettura rurale “creata dalla gente dei campi, delle montagne, delle coste”, che lo portò in giro per l’Italia alla ricerca di testimonianze di un mondo che andava scomparendo.

“Il nostro Paese reca importantissime stratificazioni di antiche civiltà.
Noi non possiamo ignorarlo, non possiamo distruggere queste vestigia.
Anzi, dobbiamo farle nostre, in modo che non vengano conservati dei cimiteri,
ma delle sedi umane perfettamente vitali”.

Curata da Alberto Saibene, la mostra espone circa 300 scatti: divisa in sei sezioni, rappresenta una parte di un immenso corpus donato al FAI dalla signora Bazzoni.
© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati