Mostra "Incantesimi" a Milano

In mostra a Palazzo Reale, un secolo di incanti sartoriali indossati dai divi della lirica e della danza

"L'italiana in Algeria" di Caramba, "I Troiani" di Karl Lagerfeld, "La Salomè" di Gianni Versace. Nelle sale degli Arazzi di Palazzo Reale, fino al 28 gennaio 2018, gli straordinari abiti creati dalle firme più celebri della storia del teatro e della moda sfilano nella speciale passerella a loro dedicati: “Incantesimi. I costumi del Teatro alla Scala dagli anni Trenta a oggi”.

“L’italiana in Algeria” di Caramba, “I Troiani” di Karl Lagerfeld, la “Salome” di Gianni Versace. Nelle Sale degli Arazzi di Palazzo Reale

L’esposizione, inaugurata il 10 ottobre 2017, raccoglie 24 costumi di scena selezionati e restaurati per l’occasione tra gli oltre cinquantamila custoditi nei laboratori del Teatro alla Scala: costumi e pezzi unici, dagli anni Trenta a oggi, che sono stati realizzati da maestri della storia del costume. Da Caramba, mago della Scala negli anni di Toscanini, ai premi Oscar Piero Tosi, Gabriella Pescucci e Franca Squarciapino, e che sono stati indossati nelle rappresentazioni scaligere da divi quali Maria Callas, Renata Tibaldi, Carla Fracci, Rudolf Nureyev, Boris Christoff.

Gli abiti scultura di Maurizio Millenotti creati per

Gli abiti scultura di Maurizio Millenotti creati per "Cinderella"

Ogni costume della mostra, curata da Vittoria Crespi Morbio, storica della scenografia teatrale, rimanda alla creazione di storici spettacoli, come “La sonnambula” (1955) per la regia di Luchino Visconti; “Il turco in Italia” (1955), “Aida” (1963) e “Cavalleria rusticana” (1981) con la regia di Franco Zeffirelli; “I Troiani” (1982) e “Fetonte” (1988) di Luca Ronconi; “Don Giovanni” (1987) e “Lohengrin” (1981) di Giorgio Strehler; “La Traviata” (1990) di Liliana Cavani; “Lo schiaccianoci” diretto e interpretato da Rudolf Nureyev.

Il costume disegnato da Jean-Pierre Ponnelle per

Il costume disegnato da Jean-Pierre Ponnelle per "La donna senz'ombra"

Suggestivo, l'allestimento evoca un palcoscenico di teatro che si estende per quattro sale espositive, con la sfilata dei costumi originali illuminati come se abitassero la scena. Fanno da contrappunto alle immagini dei grandi interpreti scaligeri, proiettate sullo sfondo.

La mostra è nata per celebrare i quarant’anni di attività dell’Associazione Amici della Scala e si inquadra nell’ambito delle iniziative dell’Associazione per valorizzare il patrimonio storico scaligero. Si pone inoltre come una finestra sulla storia del costume, illustrando l’evoluzione del gusto e dello stile, i tagli e i tessuti attraverso la creatività dei più grandi costumisti la cui opera è riuscita a creare degli “incantesimi” nell’incantesimo, quale è per sua natura il teatro e la danza.

Abito di Mauro Pagano per

Abito di Mauro Pagano per "Così fan tutte"

Un’occasione unica per ripercorrere un cammino storico ricco di stimoli culturali, di dialoghi con la moda dell’epoca, di segni lasciati da personalità celebri, figurinisti, stilisti, interpreti, e per ammirare da vicino delle vere e proprie opere d’arte. Al termine della mostra, i costumi torneranno nei depositi del Teatro alla Scala presso l’Ansaldo.

Per informazioni: www.palazzorealemilano.it

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati