Festival FilmMaker Festival a Milano

Tanti documentari e cinque location per l'edizione 2014 della kermesse milanese

ATTENZIONE: Evento scaduto
Festival
Data
Dal 28/11/14 al 08/12/14
Location
Indirizzo
Telefono
+39 02 3313411
Orario
Programmazione variegata
Ingresso
Euro 7,00
Fascia di Prezzo
Accessibile
"Jauia", con Viggo Mortensen
Dal film di Lech Kowalski "Hey! Is Dee Dee Home?" ©revolt_Cinema
Un'immagine dal film in concorso "I'm Keller"
Telefono
+39 02 3313411
Indirizzo: Vari indirizzi - Milano

Un festival lungo 86 film: tanti quelli selezionati per l'edizione 2014 di FilmMaker Festival.

La kermesse occupa diversi luoghi della città (Spazio Oberdan, i cinema Arcobaleno e Palestrina, ma anche Fabbrica del Vapore e GAM).

"Jauia", con Viggo Mortensen

UN FESTIVAL ARTICOLATO CON TITOLI D'ECCEZIONE

Dieci i documentari in corsa nella gara del Concorso Internazionale. Ma sono sette le sezioni che compongono FilmMaker Festival.

Tra queste, oltre ai film in gara, due sono i titoli che compongono Fuori Concorso; Prospettive è dedicata invece alle opere di esordienti e di giovani cineasti italiani.

Focus sul cinema sperimentale con le pellicole di Fuori Formato. Al programma si aggiungono gli omaggi agli scomparsi Paolo Cavara e Harun Farocki.

Ad aprire e chiudere le danze del festival sono, rispettivamente, Jauia di Lisandro Alonso con Viggo Mortensen e il documentario di Jacopo Quadri La scuola d'estate, entrambi proposti al Cinema Arcobaleno.

DOCUMENTARI E ALTRE PELLICOLE DA SEGNALARE

Protagonista della retrospettiva di FilmMaker 2014 è Lech Kowalski. Autore provocatorio e ribelle, ha iniziato a lavorare nella New York di fine anni '70, documentando l'esplosione del fenomeno punk. Nella sua carriera, Kowalski ha raccontato gli homeless del Lower East Side, i giovani anarchici di Cracovia e gli orfani di Kabul, con occhio sempre attento ai meccanismi di sopraffazione.

Da segnalare alcuni titoli come Storm Children, Book One, ultimo film del regista vincitore dell'ultimo Festival del Film di Locarno, Lav Diaz.

E poi The Blazing World, una riflessione per immagini sull'ossessione del possesso, che viene raccontata attraverso la vicenda giudiziaria di Winona Ryder.

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito di FilmMaker.

© Copyright Milanodabere.it - Tutti i diritti riservati