marco d'oggiono prosciutti

Prosciuttificio Marco d’Oggiono, da un secolo la casa del salume ‘spaziale’

Il crudo è il fiore all’occhiello. Ma il Prosciuttificio Marco d’Oggiono propone anche un serie di gustose ricette di salumi della Brianza

Agnese Spreafico alza spesso lo sguardo al cielo di notte e sorride osservandone le stelle. Un ricordo che la emoziona sempre, soprattutto quando a marzo del 2011 l’astronauta Paolo Nespoli dalla sua navicella spaziale si è messo in contatto con il paesino di Oggiono sullo sponde del lago di Annone. Un contatto via radio con gli abitanti della località in provincia di Lecco. Tra i vari messaggi anche uno dedicato al prosciuttificio Marco d’Oggiono, ringraziandolo per aver spedito uno dei suoi prodotti di punta: il prosciutto crudo. Un salume pregiato che l’astronauta ha voluto portare in orbita con sé. Un onore quindi per Agnese e i suoi fratelli, Dionigi e Giulia, vedere il loro Prosciuttificio Marco d’Oggiono farsi apprezzare anche dal lontano spazio.

I tre sono oggi al timone del prosciuttificio di famiglia, che vanta oltre un secolo di storia. L’artefice di tutto è stato Felice, quando nei primi del 900 allestì un laboratorio artigiano di lavorazione e macellazione della carne. Un’avventura che ebbe inizio a Lecco. L’attività venne poi trasmessa a Luigi, marito della figlia Angela, il quale, fatto pratica al fianco di suo suocero, nel 1945 si trasferì con la consorte a Oggiono.

Il testimone è quindi oggi passato nelle mani dei loro tre figli. Un passaggio di consegna che prevede, senza mai indurre, l’osservanza delle regole di produzione stabilite alle origini dal fondatore Felice. Principi rimasti indissolubili nel tempo, come il fatto di lavorare il salume a mano ed evitare di ricorrere a conservanti di varia natura. Lo esigeva nonno Felice, lo assicurava a sua volta papà Luigi, lo riafferma oggi Agnese in questa intervista.

Agnese, siete rinomati per essere un salumificio di qualità e artigianalità. Qual è la referenza che più di altre vi identifica sul mercato?
Andiamo particolarmente fieri del prosciutto crudo da suino pesante, con stagionatura naturale, senza conservanti e una grade ricchezza organolettica data dalla sua dolcezza garantita da una bassa presenza di sale. In bocca, poi, lascia un retrogusto delicato. Il valore di questo prosciutto ha fatto sì che la Regione Lombardia lo riconoscesse come P.A.T. (Prodotto Agroalimentare Tradizionale).

Agnese, Giulia e Dionigi: i tre fratelli rappresentano la terza generazione del prosciuttificio Marco d’Oggiono. In principio fu nonno Felice che nel 1945 passò il testimone al genero Luigi

A Oggiono…come mai?
Vi si trasferirono i miei genitori nel 1945, proseguendo l’attività del salumificio creato da mio nonno nei primi del ‘900. Il nome dell’azienda fu subito intitolato al personaggio più celebre nato nel 1470 proprio in questa località. Si parla quindi del pittore Marco d’Oggiono, tra i maggiori allievi di Leonardo. Questo luogo è diventato per noi simbolo d’identità e con lui ci identifichiamo a tutti gli effetti. Pensi un po’ che qui sono in molti a chiamarmi ‘Signora d’Oggiono’.

Da alcune stagioni avete rilanciato la produzione di tipicità locali brianzole, giusto?
Assolutamente sì e ne andiamo particolarmente fieri perché ci stanno dando soddisfazioni. Offriamo ai clienti più adulti la possibilità di riassaggiare i sapori di un tempo, mentre per le nuove generazioni è una ghiotta occasione per scoprirne di nuovi.

Marco d’Oggiono è un prosciuttificio che scava anche nella tradizione, proponendo una serie di saporite antiche ricette legate alle tipicità brianzole

Facciamo qualche nome di queste specialità?
Molto volentieri. Comincio con il Vaniglia della Brianza, un cotechino fragrante e leggero da digerire. Con la Mortadella di Fegato, invece, abbiamo ottenuto il premio Dino Villani promosso dall’Accademia Italiana della Cucina assegnato a quei produttori alimentari che da sempre fondano la loro attività su una produzione artigianale. Altra squisita specialità brianzola è il Borsotto, il salame cotto in cotenna, così come è molto amata dai clienti la nostra Buröla, la pasta di salame magra e versatile che si può idealmente utilizzare sia per condire primi piatti (risotti e pasta), sia come base per hamburger crudi o carpacci. Aggiungo anche la Collinetta, pancetta cotta e leggermente affumicata.

Ascoltandola viene l’acquolina in bocca. Qualche indizio su come e dove poterle assaggiare?
Semplice, venite a trovarci in azienda. Per di più, ogni primo sabato del mese organizziamo un tour all’interno del nostro stabilimento di Oggiono. Tour che racconta la storia del prosciuttificio, i suoi prodotti, le tecniche di lavorazione della carne. Racconti che accompagniamo a gustosi assaggi. C’è poi la possibilità di comprare i nostri salumi che proponiamo con confezioni speciali. Le modalità di iscrizione al tour si trovano sul sito web.

Citava prima il sale, volutamente ridotto. È un ingrediente sempre più ingombrante nelle vostre lavorazioni?
Diciamo che, in generale, la tendenza è di ridurre il sale per evitare di alterare il sapore naturale della materia prima. Noi abbiamo la fortuna di trovarci a Oggiono, in alta Brianza, terra tra laghi e colline, lontano dalle nebbie padane, che ci assicura un clima ideale: né umido, né secco, che sono due condizioni perfette per la conservazione dei salumi.

Marco d'Oggiono
La sala degustazione del prosciuttificio che ogni primo sabato del mese organizza un tour aperto al pubblico per conoscere la storia dell’azienda e i suoi prodotti proposti in assaggio e vendita

Oggi gli amanti di salumi cosa prediligono?
Vanno per la maggiore i prodotti magri e con basso apporto calorico, con pochi conservanti e di grande qualità. I consumatori esigono il fattore salutistico in quello che mangiano. La presenza quindi di conservanti è vista negativamente, al contrario dei percorsi di produzione biologica. Il bio da noi è rappresentato dal prosciutto crudo e prossimamente anche da una bresaola che presenteremo a breve.

Informazioni
+39 0341576285
Visita il sito web
Via Lazzaretto 29 - Oggiono (LC)
Da lunedì a venerdì ore 8.30 - 12.00; 14.00 - 18.30. Sabato ore 8.30 - 12.30 ​
Email
Mappa