Moebius accoglie l’Osteria Gastronomica firmata dallo chef Enrico Croatti

Da Moebius, multiconcept aperto la scorsa estate, si aggiunge un ulteriore spazio ristorativo capitanato dallo chef Enrico Croatti

Inaugurato lo scorso 29 luglio in Via Cappellini 25, Moebius si è svelato al pubblico con un tapa bistrot (120 coperti) con attiguo un cocktail bar. Ora un nuovo tassello si è aggiunto. Dallo scorso 30 ottobre, al primo piano è stata infatti inaugurata una seconda area ristorativa denominata Osteria Gastronomica. A firmarla il talentuoso chef riminese Enrico Croatti.

Il nome dell’intero locale fa riferimento al famoso artista e fumettista francese Jean Giraud, in arte Moebius, capace di avere trasmesso con i suoi disegni una visione e percezione del mondo futuristica e apocalittica. Una visione che Croatti ha voluto associare a questo suo nuovo progetto. ‘’Come lui – ha dichiarato il cuoco romagnolo, classe 1982 – voglio proporre un concetto nuovo di cucina, ritornando alle mie origini romagnole, quindi all’idea di osteria, ma contemporanea e gastronomica’’.


Prendendo spunto dal noto artista francese, lo chef Enrico Croatti vuole proporre una cucina italiana e romagnola in ‘salsa futuristica’

Con Moebius, Croatti ufficializza il suo esordio a Milano. Una città che sognava da tempo, come lui stesso ha confessato. Una sfida aggiungiamo noi, considerando la forte concorrenza che regna in città sul caldo fronte della ristorazione moderna e innovativa. Tutto lascia pensare che lo chef possa fare bene, d’altra parte, parliamo di un professionista dei fornelli con un background di primissimo livello. Di lui si è spesso parlato, come lo scorso quando ha ottenuto una stella Michelin lavorando presso il ristorante Orobianco ad Alicante. Un riconoscimento che lo ha consacrato come primo chef italiano a ottenere una stella lavorando sul suolo iberico. Stella che si aggiunge a quella conquistata nel 2013, in veste di chef executive del Dolomieu, uno dei più prestigiosi chalet di Madonna di Campiglio.

Moebius
Enrico Croatti in cucina da Moebius: lo chef riminese in questo suo nuovo progetto propone ricette all’avanguardia, in linea con il pensiero creativo del fumettista francese a cui il nome del locale fa riferimento

Tre i menu degustazione: due a 70 euro con 4 portate e relativi calici di vino, mentre il terzo è da 120 euro ed prevede un assemblage di piatti a sorpresa

Ritornando nella location di Via Cappellini, l’Osteria Gastronomica guarda quindi dall’alto il resto degli ambienti del locale. Dei 30 posti a sedere, 8 sono raggruppati in una social table. Il menu è centrato sulla tradizione gastronomica italiana, rivisitata in chiave personale dallo chef che ha messo in pratica tutta la sua expertise con l’intenzione dichiarata di dare vita a ricette saporite e fantasiose. L’intento è sorprendere il commensale. Fargli scoprire le sue ‘tavole’ del gusto, come fosse un fumetto di Moebius. E creativi sono anche i nomi scelti per alcuni piatti. Come per esempio la portata ‘Ho fatto un casino con l’ossobuco’, ‘La tripla evasione del calamaro’ o ancora ‘Ho fatto le lasagne verdi, ma non ditelo a mia mamma’. In questo fase iniziale lo chef riminese propone 3 menu a costo fisso: due a 70 euro per persona con quattro portate e per ognuna un calice di vino in abbinamento, mentre per una terza scelta il costo sale a 120 euro ed è composto da…sorpresa, visto che a stabilirlo è Croatti che, però, non annuncia al commensale quello che sta per servirli.

Moebius sono 700 mq, due piani e un arredamento variegato, glamour ed elegante

Complessivamente, Moebius sorge in un ex deposito di tessuti, ha una superficie di 700 metri quadrati per 12 metri di altezza. L’area d’ingresso ha un suo immediato richiamo visivo rappresentato dalla presenza di un ulivo secolare inserito in una imperiale teca in vetro.

Il locale è stato progettato dallo studio Q-Bic di Firenze e frutto di oltre 6 mesi di totale ristrutturazione. L’atmosfera ha sapore industriale e contemporaneo. Cemento, vetro, ferro e legno si fondono in spazi variegati, glamour ed eleganti. Il multiconcept è concepito come un luogo d’incontro quindi, un’area di condivisione in cui cucina, musica e ospitalità si mischiano in un intreccio inestricabile.

L’arredamento di Moebius strizza l’occhio e rende omaggio alle precedenti esperienze di Croatti

Superata la teca, si accede al Tapa Bistrot e all’American Bar dove emergono elementi di arredamento che richiamano alla mente icone spagnole, statunitensi e francesi. Tre provenienze volute in quanto relative a paesi che hanno contribuito ad accrescere il valore professionale di Croatti. Oltre al già citato Orobianco, in passato lo chef ha lavorato all’Angelini Osteria a Los Angeles, mentre in Francia vanta molteplici esperienze eccellenti tra le quali quella maturata presso l’Auberge du Pont de Collonges di Lione, affiancando il maestro Paul Bocuse.

Il titolare di Moebius è l’imprenditore toscano Lorenzo Querci, mentre Luca Pilia è stato reclutato come come sous-chef e Paride Mencarani nel ruolo di maître. Per curare invece gli abbinamenti con il vino, si è puntato sul sommelier Filippo Arrighi.

Al bancone del bar a shakerare i drink c’è Marco Siclari, che si diletta a creare dei twist di cocktail classici giocando con un mix di ingredienti che spaziano dalle spezie fresche alle verdure di stagione, per poi unire tutto con distillati pregiati e infusi home made.

NUOVI RISTORANTI INAUGURATI DI RECENTE A MILANO, SCOPRINE ALCUNI QUA:

 

Informazioni
+39 0236643680
Visita il sito web
Repubblica
Via Cappellini 25 - Milano
Email