Fondazione ICA Milano

ICA: a Milano un nuovo spazio per l’arte contemporanea

Mostre, cinema, performance ma anche formazione e divulgazione. Nell’ex area industriale di via Orobia, a pochi metri dalla Fondazione Prada, nasce ICA, nuovo spazio dedicato alle avanguardie creative

ICA – Istituto Contemporaneo per le Arti è il nuovo spazio milanese dedicato alle arti e alla cultura contemporanea. Un nuovo hub creativo aperto alla città e inclusivo, nel quale convergono mostre, performance, attività divulgative.

Situato all’interno di uno stabile industriale degli anni ’30, ICA Milano è una fondazione privata no profit diretta da Alberto Salvadori. Lo spazio, distribuito su due piani, è dedicato alle arti e alla cultura contemporanea, alla ricerca e alla sperimentazione. Un nuovo punto di riferimento, quindi, dove convergono mostre, editoria d’arte, ceramica, cinema, performance. Ma anche musica, letteratura, attività seminariali di divulgazione, formazione, educazione e molto altro ancora.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Il primo ICA è nato a Londra nel 1946 dall’idea di un collettivo di artisti, poeti e mecenati, da cui poi è scaturita una vasta costellazione di istituti di questa natura. Un luogo leggendario, che ha ospitato le esposizioni dell’Indipendent Group, considerate dagli storici dell’arte alla base della nascita e dell’affermazione della Pop Art.

Sul modello di questa esperienza pionieristica, ICA Milano si pone a sostegno della migliore produzione artistica del nostro tempo. Un incubatore di idee ma anche una fucina di attività diverse.

A dare avvio alla prima stagione di ICA Milano è una esposizione collettiva curata da Alberto Salvadori e Luigi Fassi: Apologia della Storia – The Historian’s Craft (25 gennaio – 15 marzo). Si ispira a Apologie pour l’histoire ou Métier d’historien, volume scritto nel 1944 dallo storico francese Marc Bloch, una delle figure centrali del pensiero contemporaneo, e pubblicato postumo nel 1949.

Informazioni
Visita il sito web
Ripamonti
Via Orobia, 26 - Milano
Gratis
Da giovedì a domenica dalle 12.00 alle 20.00. Chiuso lunedì, martedì e mercoledì.