La sala interna del ristorante, accogliente e impreziosita da materiali ricercati

Cittamani, la cucina indiana contemporanea è servita

La cucina “senza confini” della celeb chef Ritu Dalmia ‘abita’ in Brera, da Cittamani, il primo ristorante indiano gourmet di Milano e d’Italia

Un assaggio di Calcutta, un tocco di Kerala, il cibo di strada di Mumbai. Cittamani è il sapore dell’India di ieri e di oggi, un mix di tradizione e di modernità, che profuma di spezie, a cui si aggiungono suggestioni internazionali e influenze italiane. È il primo ristorante indiano gourmet di Milano e d’Italia, che ha trovato ‘casa’ nel cuore di Brera, in piazza Mirabello 1, al posto dello storico Verdi. Regno della celeb chef indiana Ritu Dalmia, nasce in collaborazione con l’imprenditore Analjit Singh della società Leeu Collection: insieme hanno dato forma ad un’idea di ristorazione moderna e innovativa, in linea con una città dinamica e cosmopolita, proprio come la Milano contemporanea.

Uno spazio smart casual, conviviale e di design

In tavola, il meglio della cucina indiana contemporanea è declinato in un’ampia scelta di piatti a base di carne e di pesce, vegetariani e vegani. Da assaporare in un ambiente senza tempo, conviviale ma ricercato, colto e di design, dalle linee eleganti. Uno spazio smart casual che, progettato dallo Studio londinese Paolo Cossu Architects, è frutto della collaborazione tra Paolo Cossu, il “local architect” Giuliana Barilli e la proprietà. All’interno, sono rimaste inalterate la storica pavimentazione in “seminato”, le vetrate ampie e gli archi, mentre ottone, marmo, sucupira, pelle e specchi impreziosiscono la sala che ospita 60 posti a sedere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ingredienti sclelti, cantina ricercata e…una squadra selezionata

Le spezie no”, assicura la chef, “quelle provengono rigorosamente dall’India”. Per il resto la maggior parte degli ingredienti sono di provenienza italiana, scelti personalmente da Dalmia grazie ai suoi lunghi viaggi alla scoperta dei piccoli produttori della Penisola. Non mancano infine ‘contaminazioni’ dell’esperienze della chef nel mondo. Il risultato? Un menu che parla di una cucina autentica e ‘casalinga’, inaspettatamente delicata (utilizza un solo tipo di spezie per piatto), moderna ed equilibrata, che attinge largamente all’antica tradizione vegetariana indiana, nel segno della condivisione. Si sceglie infatti tra una grande varietà di piatti proposti in più o meno abbondanti, in modo da gustare e sperimentare un’esperienza varia e diversificata.

In cucina, Ritu Dalmia ha portato dal ristorante Diva Italian a Delhi il meglio della sua brigata, forte di un’esperienza internazionale. Restaurant manager è Ludovica Falez, mentre resident chef è la giovane ma già esperta Shivanjali Shankar, a capo di un team di sala e di cucina multietnico e qualificato, composto da dieci persone.

Conta circa sessanta etichette la carta dei vini, un regalo della sommelier Sandra Ciciriello, già comproprietaria e restaurant manager di Alice Ristorante a Milano. La scelta è caduta su un settanta percento di etichette italiane, integrate da un trenta percento di etichette del Nuovo Mondo. A rendere ancora più conviviale l’atmosfera è il cocktail bar, che si scopre appena entrati, con una proposta di signature cocktails ispirati ai profumi dell’Asia, creati in abbinamento ai piatti in menu.

Per pranzo, tiffin box, bowls, naan e dosa bar

Cambiano tutti i giorni i tiffin box, lunch box composti da svariati “piani” e chiusi ermeticamente molto diffusi a Mumbai e per la prima volta introdotti a Milano da Cittamani. È una delle proposte per il pranzo, se si ha poco tempo a disposizione. In alternativa, si possono ordinare gustose bowls oppure i saporiti “nannini”, ovvero mini panini di naan (il più famoso pane indiano) cotti nel forno tandoori e proposti con cinque diverse deliziose farciture. Completa l’offerta il dosa bar, una selezione dei pancakes indiani sia dolci sia salati, in India molto apprezzati come street food. Per accompagnare il pasto, inoltre, è stata studiata una selezione di vini al calice, a scelta tra bollicine, bianchi e rossi.

Leggi anche:
Cittamani: Ritu Dalmia presenta le sue proposte per l’estate
Capodanno da Cittamani: alla tavola di Ritu Dalmia, il menu che profuma d’India

Informazioni
+39 0238240935
Visita il sito web
Brera
Piazza Carlo Mirabello 5 - Milano
Euro 50,00 bevande escluse
Cucina: tutti i giorni dalle 12:00 alle 15:00 e dalle 19:00 alle 24:00 Cocktail bar: tutti i giorni dalle 12:00 alle 24:00
Email
Mappa