antica trattoria campari

Antica Trattoria Campari

Dal 1893, generazione dopo generazione, l’Antica Trattoria Campari, vicino Crema, propone i tipici tortelli dolci con la ricetta originale. D’inverno, la specialità è l’oca

Chiamami col tuo nome e poi portami a mangiare all’Antica Trattoria Campari, a Casaletto Ceredano (CR). Non distanti da Crema, in cui è stato ambientato il film premio Oscar di Luca Guadagnino, la trattoria, con la sua cucina tipica, è un locale con 125 anni di esperienza in cui, soprattutto d’inverno, per un posto a cena bisogna prenotare con almeno due settimane di anticipo. Buona cucina, atmosfera famigliare e, soprattutto, i mitici tortelli dolci, la specialità (sì, gli stessi che si cucinano e si mangiano in Call me by your name, per gli appassionatissimi del lungometraggio).

La nostra casa è stata fondata nel 1893 – racconta con orgoglio il proprietario Rudy Campari a Milanodabere.it, e continua – c’è sempre stata la stessa famiglia, dal mio bisnonno a mio nonno e così via, fino ad arrivare a me. Una volta era un locale di posta, dove si poteva sostare, legare il cavallo e ci si ristorava. Magari si beveva un bicchiere di vino, che faceva mio nonno, produceva Bonarda e Trebbiolino“.

Le botti del nonno sono ancora scenograficamente ordinate nel cortile esterno che, d’estate, ospita 140 coperti. Le sale interne, invece, accolgono 80 persone. Nel piatto? “La nostra specialità è il tortello dolce, il tipico piatto di Crema e dintorni“, conferma Campari. Un piatto che non si trova altrove, solo in queste zone del Nord Italia, dolce e speziato ma servito come un primo, con un ripieno di undici ingredienti tra cui amaretti tritati, noce moscata, formaggio, marsala, uva passa ma anche le pastiglie di menta, le “mentine” dei nostri ricordi d’infanzia.

D’inverno, il menu di Antica Trattoria Campari si esprime in tutta la sua “poesia”. Soprattutto nei secondi piatti. “Cacciagione, cinghiale, asino, stufati, bolliti, ma in particolare qui si mangia l’oca – continua Campari, e ancora – ogni anno si allevano per me circa 200 oche, è un piatto che piace molto, dall’antipasto ai secondi“. E poi ancora lo gnocco fritto con gli affettati, la trippa casereccia, lo stufato d’asino con polenta o le tagliatelle al ragù di cinghiale (provate per voi).

Ci si sente proprio come a casa. Oppure come in un film, per tornare al premio Oscar dell’inizio, per chi, una decina di chilometri più in là, vuole fare un giro nel prezioso centro storico di Crema, con le sue chiese, i vicoletti, i cortili pubblici e dei palazzi storici che adesso, con la Guadagnino-mania, sono conosciuti in tutto il mondo.

Andrea Dispenza

Informazioni
+39 3388421624
Casaletto Ceredano (CR)
Via Madonna delle Fontane 29 - Casaletto Ceredano
Economico
Aperto solo la sera a cena; sabato e domenica aperto anche a pranzo.
Email
Mappa