myss keta milano

Myss Keta a Sanremo 2020. Adoro

La Ragazza di Porta Venezia tra i protagonisti di Sanremo 2020. A Myss Keta infatti spetta la conduzione de L’AltroFestival al fianco di Nicola Savino

Si è appena conclusa la conferenza stampa di presentazione del Festival della canzone italiana che si terrà il prossimo febbraio e tra le tante novità ecco l’unica che ci interessa davvero. Myss Keta a Sanremo 2020.

Guidata dalla brama, mossa dall’inerzia e sul palco dell’ex dopofestival, che ora si chiama L’AltroFestival. Si tratta dell’after che va in onda subito dopo le puntante della kermesse e fino a notte fonda, in cui si racconta il meglio e il peggio di quello che è successo, sera per sera, sul palco della città dei fiori. Per la nostra milanesissima Myss Keta a Sanremo 2020 si preannuncia quindi una co-conduzione per tutta la settimana, dal 4 al 9 febbraio. Adoro.


Chi è l’artista dal volto coperto

Esplosiva, sensuale, regina indiscussa del girl power. Myss Keta a Sanremo 2020 sarà una vera mattatrice, come dimostra a ogni suo show dal vivo (noi, all’ultimo live qui a Milano, c’eravamo: clicca qui per sapere com’è andata). Cantante, artista e performer, Myss Keta gira con una parrucca bionda, grossi occhiali da sole e con una mascherina davanti al volto. L’artista mascherata comincia così un 2020 degno del 2019 appena concluso.

È stato infatti l’anno delle copertine, dell’omaggio tra le pagine della Treccani, dell’invito al Parlamento Europeo per la campagna di sensibilizzazione al voto per le ultime elezioni europee. A questo si aggiunge il ruolo di testimonial per la serie di Netflix The End of The F***ing World e le sue numerose partecipazioni televisive.

Keta però rimarrà per sempre la portavoce di Porta Venezia e dintorni. Il quartiere LGBT+ di Milano dov’è residente fissa e di cui canta, con le sue ragazze, l’inno che da qualche tempo ormai trionfa nelle radio, in streaming e su YouTube in quanto a visualizzazioni. Ora non resta che aspettare Sanremo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La misteriosa #rapper milanese @myss.keta torna in scena con una versione rivisitata del suo storico brano “Le ragazze di Porta Venezia”. L’avventura di queste spregiudicate ragazze è inziata nel 2015, quando erano solo in sei a far parte dalla #crew, capitanata dalla rapper mascherata. Sfilando in #CorsoBuenosAires, portarono disordine e scompiglio a Milano, nel tranquillo e colorato quartiere di #PortaVenezia, diventatno subito un punto di riferimento del #girlpower e della comunità #LGBTQ+ 🏳️‍🌈 In questi anni le ragazze, tutte diverse tra loro ma egualmente provocanti, sono tornate per continuare a diffondere il loro inno alla #libertà nella città meneghina. . . . . . . . #myssketa #milano #portavenezia #leragazzediportavenezia #citazione #citazioni #frasedelgiorno #bestquotes #citazioniitaliane #musica #indieitaliano #indieitaly #trashitaliano

Un post condiviso da Milanodabere.it (@milanodabere_it) in data: