In viaggio con Adele (Vision Distribution)

Diversity Media Awards 2019 all’Alcatraz

Diversity Media Awards 2019, ovvero gli oscar dell’inclusione. Il gala show presentato da Fabio Canino e Melissa Greta Marchetto live in diretta streaming dall’Alcatraz. Tra gli ospiti: Ambra Angiolini, Diego Abatantuono, Michela Murgia, Malika Ayane, Roberto Vecchioni

Sono gli oscar dell’inclusione, un appuntamento e un gala di premiazione in diretta dall’Alcatraz di Milano martedì 28 maggio. Lo streaming TRULive (Trasmissione a Rete Unificata) dalle ore 20, qui per iscriversi. I Diversity Media Awards sono il primo riconoscimento europeo che premia i personaggi e i contenuti mediali che hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante della diversità. In tutte le sue forme.

Nati nel 2016 come riconoscimento dedicato alla rappresentazione nei media di persone e temi LGBT+, dall’edizione 2019 i Diversity Media Awards si estendono alla rappresentazione della diversità nelle aree genere e identità di genere, orientamento sessuale ed affettivo, etnia, età, generazioni, disabilità.


Gli oscar dell’inclusione: A Human Rhapsody

Una premiazione live dall’Alcatraz condotta da Fabio Canino, che è anche il direttore artistico, e dalla showgirl televisiva Melissa Greta Marchetto. Al loro cospetto, numerosi personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, delle istituzioni e della società civile. Con i Diversity Media Awards, dunque, si può seguire in diretta streaming uno spettacolo che alterna momenti di riflessione, musica e comicità. A Human Rhapsody è il claim dell’edizione 2019. A fare da corollario, l’Ensemble vocale ambrosiano, un coro di 80 elementi che accompagna tutto lo show.

Tra i candidati personaggi dell’anno: Alessandro Cattelan, Don Luigi Ciotti, Fiorella Mannoia, Enrico Mentana, Heather Parisi e Liliana Segre. Nel corso del gala show poi – con charity dinner per i presenti, all’Alcatraz – vengono premiate anche le categorie miglior film, miglior serie TV italiana, miglior serie TV straniera, miglior programma TV. E poi ancora miglior programma radio, miglior campagna pubblicitaria, l’influencer dell’anno e il miglior prodotto digitale. Infine, i riconoscimenti rivolti al mondo dell’informazione. Tra questi, miglior tg, miglior articolo stampa quotidiani, miglior articolo stampa periodici, miglior articolo stampa web.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Chiunque può votare da Diversity Lab

Chiunque può dare un contributo ai Diversity Media Awards 2019. Fino a domenica 26 maggio, infatti, è aperto il voting online per scegliere le vincitrici e i vincitori di ogni categoria. Basta connettersi al sito diversitylab.it. Chi invece vuole presenziare, può farlo anche attraverso l’afterparty Dopo DMA, con i dj set di Alex Neri dei Planet Funk, il burlesque de Le Fanfarlo e altri ospiti. Si può partecipare, infine, ancora più attivamente attraverso una donazione. Dalle 22:30 infatti chiunque può sostenere il progetto Diversity Media Awards i cui proventi sono destinati al sostegno dell’attività di monitoraggio e ricerca, comunicazione e divulgazione delle tematiche di diversity&inclusion. Tematiche che l’associazione Diversity presieduta da Francesca Vecchioni segue nel corso dell’intero anno.

Non mancano gli ospiti. Tra questi Ambra AngioliniMichela MurgiaDiego Abatantuono, Malika Ayane. E poi ancora Ivan CotroneoDiodatoChiara FranciniImmanuel Casto, Roberto VecchioniDiego PassoniMax Brigante. L’appuntamento è all’Alcatraz, oppure in diretta streaming, dalle 20, martedì 28 maggio.

Scopri anche:
Milano capitale LGBT+, dopo New York
Beverly Hills 90210, il ritorno della serie TV