Buon compleanno Beautiful, soap da record

Oggi, 4 giugno, Beautiful compie 30 anni. La soap opera dai numeri record è nel Guinness dei Primati per essere la più popolare al mondo

Buon compleanno Beautiful, ed è sufficiente il titolo a fare la storia – The Bold and the Beautiful, in originale. La soap opera oggi, 4 giugno, compie 30 anni. E poi ancora, a proposito di numeri. Cento matrimoni. Ventidue bambini nati e ventidue funerali. Tre resurrezioni e altri tre personaggi che hanno fatto visita dall’aldilà. Più di 4mila ore girate per 8300 puntate. Una storica trasferta a Venezia quando Thorne deve coronare il suo sogno d’amore con Brooke (per l’occasione Enrico Papi ha interpretato il ruolo di un taxista e Rosita Celentano una negoziante di souvenir).

Un Guinness dei Primati: Beautiful è la soap opera più popolare del mondo. Nasce il 4 giugno 1990 e da quella prima almeno in Italia è in onda tutti i giorni. Gli intrighi della famiglia Forrester diventano un fenomeno di costume a cui ci siamo affezionati da tre decenni. Ridge, Brooke, Eric, Taylor, Stephanie sono personaggi familiari, parte di una rassicurante abitudine. A cui si perdona tutto, anche quando Ronn Moss lascia il ruolo di Ridge a un nuovo interprete ed è tutto come se nulla fosse. Tra sfilate, “problemi da ricchi” e quel ti odio e poi ti amo che dura da trent’anni tra i membri della casa di Forrester Creation e non solo, Beautiful ha affrontato anche questioni di importanza sociale, dall’omosessualità al tema transgender, abusi sui minori, malattie come il cancro, senzatetto.


Tra gli indimenticabili, la perfida Sally Spectra, interpretata dall’attrice Darlene Conley, già protagonista del film Gli uccelli di Hitchcock. Darlene scompare nel 2007 e gli sceneggiatori, tanto è l’affetto del pubblico mondiale nei suoi confronti, decidono di non far morire il personaggio di Sally che “si sta godendo la pensione su un’isola lontana”. Avanti, ammettetelo. A tutti, anche a voi, è capitato almeno una volta di capitare davanti a un episodio della soap…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Milanodabere.it (@milanodabere_it) in data: