Sky Arte: le storie d’amore più grandi nate a Hollywood

presenta Love Stories, il racconto delle più grandi storie d’amore tra le celebrità di . Da Ali MacGraw e Steve McQueen a Judy Garland e Vincente Minnelli, le coppie che hanno segnato il mondo del cinema. Tra passione, incomprensioni e tradimenti

È iniziata sui canali 120 e 400 e in streaming su Now Tv la nuova stagione di Love Stories su Sky Arte. Protagonista degli episodi è l’amore insieme a tutti quegli intrighi che spesso fanno da sfondo al sentimento. Non si parla però di coppie comuni, ma di grandi relazioni sbocciate sotto i riflettori. Come cornice Hollywood, palcoscenico e megafono delle avventure di cuore. La nuova serie mette al centro le love stories di personaggi famosi che seppur nate nella città della macchina da presa, non sempre hanno un lieto fine, ma infondo fa parte del gioco.

Parliamo di Love Stories

Il primo episodio vedrà protagonisti Ali MacGraw e Steve McQueen. Il loro amore è nato, come spesso accade, sul set. Tra recitazione e realtà, il film Getaway! è stato il complice che ha fatto sbocciare la loro storia. Nel 1978, però, l’intesa scompare e a causa di incomprensioni e tradimenti, i due proseguono per strade differenti.


A seguire, i protagonisti del secondo episodio sono Ingrid Bergman e Roberto Rossellini. Nel loro caso, è una lettera la chiave di volta. Fu grazie all’iniziativa di Ingrid Bergman, attrice svedese, sposata e residente a Hollywood che la relazione ebbe inizio. Decise di scrivere a Rossellini dopo aver visto, ed esserne rimasta incantata, Roma città aperta e Paisà, da lì la loro vita cambiò. Anche in questo caso, però, l’epilogo è negativo perché i due si separarono nel 1957.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’episodio del 25 aprile, su Sky Arte, tratta invece di un’avventura tutta italiana. Siamo alla fine degli anni 60, quando l’attrice Monica Vitti e il regista Michelangelo Antonioni si incontrano. Tra i due si instaura un rapporto sentimentale non sempre facile, due personalità forti che hanno spesso dichiarato indipendenza. Tuttavia Monica Vitti, divenne per Antonini una vera musa e la protagonista di suoi numerosi film.

Infine, il 1 maggio sarà la volta del duo Judy Garland e Vincente Minnelli. Anche il loro legame si alimentò sul set e il film era Meet Me in St. Louis nel 1944. Vincente Minnelli diventò per Judy il suo secondo marito, e con lui ebbe una figlia, Liza Minnelli. Purtroppo, gli stili di vita di entrambi misero a dura prova il loro matrimonio che si concluse nel 1951.

Leggi anche:

I baci proibiti di oggi e quelli memorabili di ieri, tra arte e cinema
Incontrarsi in quarantena: l’attrazione e la distanza di un’uscita giustificata
Judy Garland, la fine di un arcobaleno