Segnali d’Italia a Milano: le storie che meritano di essere conosciute

Segnali d’Italia a . Storie di persone, mestieri e quartieri che avvalorano Milano intesa come luogo di inclusione ed eccellenza

Segnali d’Italia arriva a Milano dal 20 dicembre ai primi giorni di febbraio. L’obiettivo del bando che approda nella nostra città è quello di raccontare storie di esperienze significative che meritano di essere conosciute. Cittadini, mestieri e quartieri che hanno dedicato tempo e impegno per il bene collettivo della metropoli. Storie di eccellenza, dunque, che spiccano nella capitale meneghina intesa come luogo di inclusione ed eccellenza.

Le storie scelte sono undici e parlano di realtà spesso nell’ombra, che però danno un grande contributo alla nostra società. Persone, associazioni e imprese portavoci di qualcosa di nuovo e socialmente utile che avvalora la capitale meneghina. Parole chiave? Creatività, sviluppo, occupazione e interazione. Il filo conduttore di tutte le undici storie di Segnali d’Italia è la volontà di valorizzare il patrimonio esistente, sfruttando gli spazi inutilizzati e dando vita, quindi, a un circolo virtuoso di sviluppo.


Questo slideshow richiede JavaScript.

Come farne parte

L’iniziativa arriva a Milano dopo il successo della scorsa edizione a Napoli e Parma. Quest’anno, inoltre, presenta una novità. Non si vogliono solo raccontare delle esperienze. Si vogliono creare possibilità, coinvolgendo direttamente i protagonisti del terzo settore milanese. Il modo per farlo è il bando Segnali d’Italia Chiama Milano.

Associazioni non profit, imprese sociali e comitati cittadini possono, difatti, presentare dei progetti di interesse collettivo. Valutati da una giuria di partner ed esperti, alla fine ne vengono selezionati due. Il premio in palio consiste in quindicimila euro per l’implementazione dell’attività o per la sua comunicazione. I giudici premiano sulla base di idee, efficacia, fattibilità e realizzazione. Dal 20 dicembre sarà possibile accedere alla piattaforma digitale ideatre60 di Fondazione Italiana Accenture e compilare il form del bando, oppure accedere ad essa tramite il sitosegnaliditalia.it per iscrivere il proprio progetto e partecipare a Segnali d’Italia chiama Milano. C’è tempo fino al 28 febbraio 2020. Infine, l’iniziativa sarà supportata da un’attività social e web incentrata sull’hashtag #segnaliditalia dal 20 dicembre al 29 febbraio 2020.

Per ulteriori informazioni sulla campagna e sull’iscrizione al bando consultare questo sito.