milanodabere.it

Katerina Logvinova

Speziata come uno dei suoi signature

Katerina Logvinova, elegante come i nobili distillati che celebra nelle sue creazioni. Sorridente mentre prepara un seducente , la moscovita Katerina ammalia ogni sera il nutrito pubblico del The Botanical Club, la micro-distilleria di dove lavora nel cuore del quartiere Isola.

Mentre chiacchiero piacevolmente con lei mi prepara un Orange Spell: un’equilibrata amalgama a base di tequila reposado, con l’aggiunta di clementine, lime e sciroppo di curcuma, ideale per aperitivo con quel suo accento aromatico e la verve solare data dai toni dell’arancio.

I posti del cuore?
Osaka per gustare ottimo cibo giapponese, Cucchi per un godersi un buon e una fragrante brioche, specialmente la domenica. Lacerba per vivere indimenticabili piene di mezcal (ndr distillato messicano ottenuto dalla pianta dell’agave)

Le esperienze da non perdere?
“Trascorrere una serata al Sushi-B: sia nel che nel bar. Visitare le mostre fotografiche, sempre ben curate e allestite, a Palazzo della Ragione. Quella di Francesca Woodman è stata super. Entrare nella chiesa di San Bernardino alle Ossa: un’esperienza sconvolgente e inaspettata nel cuore del centro. Sorprendente anche il tour alle Distillerie Fratelli Branca in via Resegone: una bella realtà industriale e culturale meneghina.”

Qual è il ricordo più vivo?
“Quando 6 anni fa mi sono trovata di fronte il Duomo, uscendo dalla metro. Imponente e reale e non più solo come lo immaginavo giocando con il puzzle che ho completato in Russia quando avevo 12 anni.”

Milano è…
“Una città che va capita.”

Amo Milano perché…
“Forse è l’unica realtà che ti permette di passare il weekend al mare, in montagna o al lago, senza prendere una settimana di ferie. Tutto è vicino e raggiungibile in due ore di macchina.”

Katerina mi colpisce perché parla poco ma ha sempre qualche spunto interessante da proporre. La saluto mentre torna a shakerare e guarnire le sue liquide creazioni, che prepara con amore e dedizione. Proprio come la immagino da piccola mentre componeva il puzzle del luogo dove sognava di vivere.