Quarantena e mobilità a Milano: proroghe e avvisi

Patenti, revisioni, assicurazioni, multe, ricorsi e così via. Tutti i termini e le informazioni in quarantena circa la mobilità a Milano, proroghe e avvisi

Con l’emergenza sanitaria e la fase di quarantena, il Comune pubblica una serie di nuove disposizioni circa la mobilità a Milano. Disposta, dunque, la proroga dei termini per il pagamento in misura ridotta. E poi ancora la proroga relativa alla facoltà di avvalersi della riduzione del 30% delle sanzioni al codice della strada, dei ricorsi al prefetto e al giudice di pace e così via.

Mobilità a Milano, le patenti e gli altri certificati di abilitazione alla guida

Le patenti di guida, in scadenza dal 31 gennaio 2020 sono prorogate di validità fino al 31 agosto 2020. Le carte di qualificazione del conducente e i certificati di formazione professionale per il trasporto di merci pericoloseaventi in scadenza dal 23 febbraio al 29 giugno, invece, sono validi fino al 30 giugno 2020 a causa dell’emergenza sanitaria. Ancora, i certificati di abilitazione professionale in scadenza di validità dal 31 gennaio al 15 aprile sono validi fino al 15 giugno.


Da Palazzo Marino, inoltre, si comunica che la proroga fino al 15 giugno 2020 si estende anche ai permessi provvisori di guida rilasciati ai titolari di patente di guida che devono sottoporsi ad accertamento sanitario. Proroga fino al 15 giugno anche per gli attestati rilasciati ai conducenti che hanno compiuto sessantacinque anni per guidare autotreni e autoarticolati. Ancora, ai conducenti che hanno compiuto sessanta anni per guidare autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati, adibiti al trasporto di persone. Maggiori informazioni sul sito del Comune.

Proroga revisione veicoli

I veicoli da sottoporre a revisione entro il 31 luglio sono autorizzati a circolare fino al 31 ottobre.

Multe e proroghe

Nel periodo compreso dal 17 marzo al 31 maggio, il termine per usufruire della riduzione del 30% sulla somma da pagare in misura ridotta per le violazioni previste dal codice della strada è stato prolungato. Dagli attuali cinque giorni dalla notificazione o contestazione si arriva al termine di 30 giorni. Ancora, dal 10 marzo e fino al 3 aprile sono sospesi i termini dell’esecuzione dei pagamenti in misura ridotta dei verbali per violazione alle norme dello stesso codice della strada.

Anche i termini per presentare ricorso al prefetto e al giudice di pace per le violazioni alle norme del codice della strada sono sospesi dal 10 marzo sino al 3 aprile.

Leggi anche:

L’allarme del Niguarda, crescono le infezioni del disinfettante fai da te
La psicologa risponde: come superare l’ansia da quarantena e come spiegare la situazione a un bambino
Scuola online e didattica digitale: tutte le difficoltà della situazione attuale