Milano: vietato fumare all’aperto, nuovo provvedimento

La giunta è pronta a valutare un nuovo provvedimento che avrà validità a partire da gennaio 2021. A Milano sarà vietato fumare all’aperto: più precisamente, nei parchi, negli stadi e alle fermate dei bus

Un provvedimento di cui si parla da tempo, che avrebbe validità a partire da gennaio 2021. Che, nel caso, ufficializzerebbe a Milano quel vietato fumare all’aperto di cui si discute. Divieto di fumo nei parchi, negli stadi e nelle fermate degli autobus. Dunque nei pressi delle aree nei parchi riservate al gioco o allo sport, e nel raggio di dieci metri dalla fermata del bus. Ancora, nelle strutture sportive, ad esempio sugli spalti, nelle aree cani e cimiteriali.

Dal primo gennaio 2021, la giunta metterà al bando il fumo all’aperto in determinate aree pubbliche. A stabilirlo è la delibera del Regolamento per la qualità dell’aria, già approvata da . La delibera in questione passata dalla giunta, il 2 novembre approderà in Consiglio Comunale.


Milano guarda poi al 2030. Entro il 2030 infatti il divieto di fumo all’aperto sarà totalmente introdotto in area pubblica. Spiega l’Assessore alla Mobilità del Marco Granelli durante la commissione consiliare riunita online. “È un provvedimento che ha un duplice significato perché aiuta a ridurre il Pm10, le particelle inquinanti che sono più nocive per i polmoni, ma fa anche un’operazione di prevenzione della salute. Pensiamo sia una spinta ulteriore che diamo per migliorare la salute e questo ha un significato maggiore adesso, con la pandemia in corso“.

Un fatto, quel vietato fumare all’aperto a Milano, di cui aveva già fatto riferimento in precedenza rivolgendosi proprio ai cittadini. Fatto che non trova tutti d’accordo ma che, vista la determinazione, sembra essere un provvedimento certo. Almeno quello di gennaio. Staremo a vedere se nel 2030, poi, saremo una città completamente smoke-free.

Tutte le Breaking News QUI