L'emergenza acqua è il tema portante della quarta edizione di Seeds and Chips

Milano plastic free: borracce nelle scuole

Milano plastic free: questo il motto del Sindaco Sala su Instagram. Come preannunciato, da settembre si va a scuola con borracce di alluminio consegnate a tutti gli studenti. Il primo cittadino posta la prima foto-testimonianza

Detto, fatto. Il Sindaco di Milano posta su Instagram una prima foto-testimonianza a favore della sua lotta per una Milano plastic free. Per combattere la lotta alla plastica, dunque, (tema di cui si è discusso anche in occasione dell’ultimo convegno Seeds&Chips) agli studenti delle scuole elementari e medie saranno regalate borracce di alluminio. In totale si tratta 100mila contenitori per l’acqua, consegnati ai ragazzi entro l’inizio dell’anno accademico; 40mila borracce prodotte da A2A, altre 60mila borracce sono realizzate, invece, da MM – Metropolitana Milanese.

Milano Plastic Free è anche il nome dell’iniziativa fortemente voluta dal Comune di Milano, Legambiente e Confcommercio. Lo scopo è quello di riuscire a sensibilizzare bar, locali, ristoranti, esercizi commerciali – tra zona Niguarda e zona Isola – presenti nelle vie oggetto della prima fase di questa sperimentazione.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

2 di 100.000. Meno 15. #plasticfree #primogiornodiscuola #amomilano

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala) in data:

Le casette dell’acqua e i distributori nelle Università

L’utilizzo delle borracce nelle scuole è un ottimo punto di partenza per combattere la . Un esempio da portare anche all’interno delle proprie abitazioni. Una prima buona abitudine? Servirsi dei distributori in giro per la città, con borracce o bottiglie di vetro. Le casette dell’acqua su suolo pubblico, a Milano, sono in fase sempre più crescente. L’acqua, gratuitamente, viene erogata liscia, gassata, a temperatura ambiente in oltre 20 casette presenti in città.

Anche le Università milanesi si danno da fare per una Milano plastic free. A cominciare da Università , con il suo progetto di una decina di punti di erogazione d’acqua al suo interno, destinati agli studenti e ai docenti, usufruibili entro la fine dell’anno. Studenti e docenti a cui verranno distribuite 12mila borracce. Che sia un’idea sempre più diffusa.

Scoprite anche:
Le case dell’acqua di Milano, ecco dove sono