Liliana Segre, a Milano si è svolta la marcia dei comuni

L’odio non ha futuro. Si è svolta a Milano la marcia dei comuni per la senatrice a vita Liliana Segre, seicento primi cittadini in un corteo di solidarietà

Si è svolta martedì 10 dicembre la manifestazione L’odio non ha futuro. Un corteo pacifico e di solidarietà organizzato dal , insieme ad Associazione nazionale comuni italiani (ANCI). E poi ancora Autonomie locali italiane (ALI) e Unione province italiane (UPI). Lo scopo era quello di testimoniare la vicinanza di piccoli, medi e grandi comuni alla senatrice a vita Liliana Segre. La Segre, come è noto, è sopravvissuta al campo di sterminio nazista di Auschwitz e oggi vive sotto scorta a causa di ripetute minacce antisemite.

Seicento i sindaci presenti alla marcia partita da piazza Mercanti per poi muoversi al fianco di Liliana Segre direzione piazza del Duomo, quindi per attraversare la Galleria Vittorio Emanuele II. Il punto di arrivo è stato in piazza Scala, davanti a Palazzo Marino. Le parole di : “Insieme possiamo rispondere con la forza della civiltà e del rispetto a chi non perde occasione per diffondere odio e violenza. Il 10 dicembre è la Giornata internazionale per i diritti umani. Camminare gli uni accanto agli altri, come semplici umani, senza bandiere né colori politici, è un bel modo per celebrare la dichiarazione universale dei diritti umani, firmata 71 anni fa, e riaffermare i valori della libertà, dell’uguaglianza e del rispetto alla base di ogni società democratica“.


L’odio non ha futuro e lo dimostreremo” è stato infine quanto postato proprio da Beppe Sala sul suo account Instagram, dove pubblica un’immagine della galleria piena di persone e un suo ritratto con la senatrice Liliana Segre.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

L’odio non ha futuro. E lo dimostreremo.

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala) in data: