Festival MIX Milano 2020, sempre più amore

Non salta il suo appuntamento annuale il Festival MIX Milano di cinema gaylesbico e queer culture, proposto in versione “ibrida” tra presenza in sala e proiezioni in streaming. Il filo conduttore della rassegna è l’impegno sociale ma non mancheranno momenti di assoluto svago

Non è stato facile affrontare la decisione e il complesso onere di organizzare la 34esima edizione del Festival MIX Milano, l’evento culturale LGBT più importante dell’anno per la città. Si sposta a settembre e viene in versione “ibrida” tra presenza in sala nella sede oramai storica del teatro Strehler al Piccolo Teatro Studio Melato (nel pieno rispetto delle norme di sicurezza vigenti) e proiezioni in streaming nel sito Mymovies. Sono 48 i titoli provenienti da tutto il mondo, con molte anteprime italiane e anche europee, in gara tra lungometraggi, cortometraggi e documentari.

All’insegna dello slogan Love together, quest’anno ad affiancare Debora Guma e Andrea Ferrari nella direzione artistica si è aggiunto Paolo Armelli. E, in una “normalità condizionata”, per citare le parole dell’Assessore Del Corno, è importante per tutti e tutte tornare a riannodare i fili della condivisione della cultura e il riavvicinamento sociale. Perché il MIX è anche una comunità di persone e un luogo d’incontro unico nel suo genere.


Apre la rassegna And Then We Danced del regista svedese di origine georgiana Levan Akin

Un percorso di formazione, accettazione e consapevolezza in una nazione dove perdura una società conservatrice e patriarcale. Il film è stato oggetto di censure e proteste in Georgia a causa del suo contenuto ritenuto “offensivo nei confronti della tradizione” del paese.

Welcome to Chechnya è l’atteso documentario di David France

sulla persecuzione delle persone LGBT in Cecenia. Proiezione realizzata in collaborazione con Amnesty International e preceduta da un dibattito con Yuri Guaiana responsabile delle campagne di All Out.

L’universo femminile è centrale nel programma del MIX

Tra un’interessante selezione di film a tematica lesbica e la sezione speciale, fuori concorso, “I talenti delle donne”. Quest’ultima, nell’ambito del palinsesto culturale voluto dal Comune di Milano per il 2020.

La Leyenda Negra di Patricia Vidal Delgado vede una giovane immigrata salvadoregna in lotta per adattarsi alla sua nuova scuola di Los Angeles. Sullo sfondo, le nuove leggi dell’immigrazione volute da Donald Trump. La nave del olvido (foto in apertura) della cilena Nicol Ruiz parla della scoperta del lesbismo in tarda età. Kokon ha per protagonista la quattordicenne Nora in un’estate caldissima nel quartiere multietnico berlinese di Kreuzberg.

Come noi avete follemente amato la serie televisiva Pose? Avete visto il docufilm Paris is Burning che nel 1990 fece scoprire il mondo della ball culture? Prenotate un posto per Port Authority di Danielle Lessovitz. La proiezione sarà preceduta da una performance di vogueing a cura di La B Fujiko, madrina di questa danza In Italia. Sei i titoli tra i documentari e ventisette tra i cortometraggi. Impossibile parlare di tutto, quindi vi rimandiamo al programma presente sul sito per la lista completa e le vostre personali scelte.

Il MIX non è solo cinema

MIX OFF racchiude il nutrito programma di appuntamenti di letteratura, cultura, arte e musica. Quest’anno vuole aprire un dibattito sul presente e sul futuro della realtà complessa in cui viviamo abbracciando impegno civile, difesa dei diritti e delle diversità, ecologia, migrazioni.

Numerosi ospiti e premiazioni speciali. Queen of Comedy a , Queen of Music a M¥SS KETA mentre il riconoscimento More Love, sarà consegnato al medico e attivista Gino Strada, fondatore di Emergency. L’evento che precede la cerimonia di chiusura dei film vincitori, infine, prevede un live dei Booda, la band romana che ha conquistato il pubblico e i giudici di X-Factor 2019 e che firmato la colonna sonora del festival.

Come per le ultime edizioni tutte le proiezioni saranno a ingresso gratuito per le amiche e gli amici del MIX che faranno il tesseramento all’associazione MIX Milano APS a partire da 15 euro tramite il sito. Per garantire la massima sicurezza di pubblico e operatori, i biglietti per tutte le proiezioni e per la partecipazione agli eventi collaterali, sia in streaming sia in presenza, saranno prenotabili solo dal sito del festival attraverso un’apposita piattaforma.

Quest’anno, in linea con il claim “Love Together” per ogni tessera acquistata sarà devoluto un euro a OutRight Action International, l’associazione che sostiene le comunità LGBTQ+ nei paesi in via di sviluppo e che al momento si sta occupando anche delle situazioni di emergenza dovute al Coronavirus. Inoltre per la prima volta fa il suo debutto al festival la “tessera sospesa”, una pratica solidale che alla stessa maniera del caffè sospeso permette di acquistare una tessera e di lasciarla a chi è in difficoltà.

Informazioni e aggiornamenti su festivalmixmilano.com, e sulle pagine facebook.com/FestivalMixMilano e instagram.com/festivalmixmilano.